AF Focus Mercati Tendenze

Amazon ha conquistato MGM – Rivoluzione Hollywood

Per poco meno di 9 miliardi di dollari Amazon ha acquisito MGM e il suo vasto catalogo di 4.000 film e 17.000 serie TV!

Amazon ha scalato e conquistato una delle storiche “vette” di Hollywood, una delle pietre miliari del cinema mondiale entra nella scuderia di Jeff Bezos per ‘soli’ 8,45 miliardi di dollari, debito incluso. Pesce grande mangia pesce piccolo, è la legge del mercato, dei grandi numeri, di major che vanno e vengono: fu la Metro-Goldwyn-Mayer ad acquisire le ‘macerie’ della United Artist quando crollò sotto il peso del disastro commerciale de I cancelli del cielo di Michael Cimino. Ora tocca a MGM, che tra anni in attivo e passivo è andata sempre più in sofferenza.

In verità va detto che è di nuovo il suo turno: fondata nel 1924, MGM è più volte passata di mano con precedenti proprietari tra i quali contiamo il magnate delle bevande Edgar Bronfman, il miliardario di Las Vegas Kirk Kerkorian e certo non ultimo Ted Turner, tycoon e fondatore della CNN. Quello con MGM è il secondo più grande accordo di acquisizione mai concluso da Amazon, dopo quello nel 2017 quando pagò 13,7 miliardi di dollari per la catena alimentare statunitense Whole Foods, e il prossimo potrebbe essere legato all’industria del farmaco. 1 miliardo l’investimento Amazon per i diritti di acquisizione di serie TV legate al mondo de Il Signore degli Anelli, dopo che Bezos aveva identificato in Game of Thrones quel tipo di successo da perseguire alla conquista di nuovi abbonati.

MGM
(Photo by Movie Poster Image Art/Getty Images)

Amazon ha speso 11 miliardi di dollari in contenuti lo scorso anno (Netflix 17 miliardi nello stesso periodo), rispetto ai 7,8 miliardi di dollari del 2019. L’obbiettivo evidentemente quello di passare da secondo servizio di streaming al mondo, con 175 milioni di utenti globali, a diventare il numero uno scavalcando Netflix. Il “leone che ruggisce” è da sempre la “casa” di pellicole che hanno fatto la storia del cinema tra cui 2001: Odissea nello spazio, Rocky, La pantera rosa, Via col vento, tutti i Ben Hur, Il Dottor Živago, Thelma & Louise, Toro scatenato, Il silenzio degli innocenti e tantissimi musical.

Il franchise multi miliardario legato a MGM è ovviamente quello di 007, con la pandemia a dare la spallata finale all’ultimo film in stasi da troppo tempo. MGM aveva esplorato la possibilità di acquisirlo per l’esclusiva streaming, ma al momento No Time to Die, l’ultima apparizione di Daniel Craig nei panni di James Bond è programmato per l’uscita theatrical a settembre, successo annunciato.

“Il vero valore finanziario alla base di questo accordo è il tesoro di proprietà intellettuale nel vasto catalogo che abbiamo intenzione di immaginare nuovamente e sviluppare insieme al talentuoso team di MGM”, ha affermato Mike Hopkins, senior vicepresident Prime Video e Amazon Studios.

Amazon

Attenzione però, perché un conto sono i diritti di sfruttamento del pregresso e un contro gli accordi in essere prima dell’acquisizione: la maggior parte dei contenuti di MGM, sia library che attuali produzioni, sono soggetti ad accordi di licenza con altre piattaforme. Passeranno anni prima che Amazon potrà produrre nuovi film o programmi TV basati su proprietà Metro come James Bond, Rocky o la Pantera Rosa.

Peraltro le rassicuranti parole di Hopkins non sono sufficienti a fugare leciti dubbi sul futuro dei tanti dipendenti della major, mentre non va dimenticato che la stessa MGM attualmente riveste un ruolo produttivo significativo per svariati competitor tra cui la stessa Neflix, Disney, AT&T/Discovery, Fox e AMC Networks. Link ad Amazon ed MGM.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest