Entertainment Guida 4K/BD/DVD/UHD

Beetlejuice [UHD]

L’iconografico spiritello porcello Beetlejuice tanto amato dagli anni ’80 nella nuova edizione UHD in gran spolvero, almeno per le immagini

In Beetlejuice i coniugi Adam (Alec Baldwin) e Barbara (Geena Davis) Maitland apprendono con sconcerto di essere deceduti, ritrovandosi reclusi all’interno della loro stessa casa, in veste di fantasmi. Quando l’abitazione viene acquistata dai newyorchesi Deetz la coppia non riesce ad adattarsi alla nuova convivenza, facendo di tutto per cacciarli ma senza successo. La nuova condizione dei Maitland li vede relegati in quella stessa casa per altri 125 anni, costretti a studiare un noioso manuale per freschi trapassati. Benché sconsigliati decidono di rivolgersi alla creatura Beetlejuice (Michael Keaton), pronta a esorcizzare i vivi per lasciar in pace i morti, rendendosi velocemente conto di aver commesso il grave errore di aver reclutato un grottesco, lurido e imprevedibile fantasma.

Avrebbe dovuto dirigerlo niente meno che Joe Dante, ma la regia fu presa da Tim Burton affiancato da un Michael Keaton da antologia in una delle migliori interpretazioni della sua lunga e fortunata carriera. Horror comedy ambientata in un mondo orribilmente fantastico tra originali creature, black humor, bizzarrie ed eccentricità visive che hanno reso Beetlejuice uno dei cult anni ’80. Originalità legata alle fantastiche scenografie, personaggi e creature di varia forma e dimensione che hanno reso celebre il film, davvero difficile da immaginare senza il funambolico Michael Keaton, essenza dell’intera opera.

Beetlejuice

Editato più volte in Home Video è giunto finalmente su disco UHD da Warner Bros con nuova lavorazione che ha portato al recentissimo Digital Intermediate 4K, aspect ratio originale 1.85:1 (3840 x 2160/23.97p), codifica HEVC su BD-66. Girato interamente su pellicola 125 e 400 ASA, colmo di effetti ottico visivi e una superba lavorazione artigianale degli esseri che popolano il racconto. La qualità delle immagini è pressoché da riferimento, con rarissimi passaggi in cui si potrebbe riscontrare un lieve abbassamento del quadro visivo complessiva, in particolare per gli elementi in secondo piano. Colpisce ancor più la ricchezza cromatica e il salto di qualità rispetto al precedente Blu-ray FHD SDR grazie all’HDR-10 wide color gamut con saturazione, ulteriore livello di sfumature, profondità dei neri ove possibile così come la diversificazione sui punti luce.

Le riprese 400 ASA sono sempre state accompagnate da una certa grana, che qui si ritrova benché non in misura invadente ma parte integrante degli elementi che compongono l’opera. La sensazione resta quella che si sia voluto preservare al massimo il lavoro del cinematographer Thomas Ackerman (che lo stesso anno curò la luce di Moonwalker). Al solito ritroviamo per l’audio la vecchissima traccia italiana Dolby Digital 2.0 (192 kbps) ascoltata per la prima volta su DVD, piatta, priva di qualsiasi verve dinamica e incapace di offrire il benché minimo coinvolgimento. Il Dolby ATMOS inglese è ampiamente preferibile per rinverdire al meglio la frizzante colonna sonora, immergersi in un ampio livello di coinvolgimento con effetti fronte retro, enfasi, ricchezza dinamica e qualche elemento anche verticale. Nessun extra disponibile sul disco UHD. Link ad Amazon.

© 2020, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest