AF Focus Featured home Hi-Fi I consigli di AF Digitale Notizie Tecnologie Tendenze

Giradischi del 2022: alla ricerca dell’offerta migliore

giradischi 2022

In attesa di scoprire quanti e quali saranno i prossimi giradischi che inonderanno il mercato nei prossimi mesi (e vista la tendenza attuale, aspettiamocene una valanga), abbiamo voluto riprendere alcuni dei modelli più interessanti dello scorso anno che più sono scesi di prezzo rispetto alla loro uscita. Parlando di prodotti che in certi casi hanno solo alcuni mesi alle spalle, non ci si possono aspettare sconti e offerte da “fuori tutto”, ma cercando online qualcosa si può risparmiare rispetto al listino e con i tempi che corrono anche uno sconto del 10-15% è sempre il benvenuto.

Avremmo voluto aggiungere alla lista anche meraviglie come l’Esoteric Grandioso T1 e l’SME Model 60, ma trattandosi di giradischi hi-end da decine di migliaia di euro non abbiamo notato alcun calo rispetto al listino e qualcosa ci dice che anche quest’anno i loro prezzi non scenderanno di un centesimo.

Audio-Technica AT-LPW30BK

AT-LPW30BK

L’Audio-Technica AT-LPW30BK, modello molto interessante in fascia entry-level per i neofiti del vinile, è una nuova ed elegante versione nera del giradischi con trasmissione manuale a cinghia AT-LPW30 uscito nel 2019. Sviluppato a Tokyo e basato su 60 anni di esperienza di Audio-Technica, l’LPW30BK è progettato, secondo il produttore nipponico, per offrire una riproduzione audio ad alta fedeltà con uno stile elegante e sofisticato. Questo modello a due velocità (33 e 45 RPM) si presenta con un plinto in MDF con finitura simil-legno di colore nero che promette di limitare il feedback acustico a bassa frequenza.


L’LPW30BK può essere collegato direttamente a degli speaker attivi grazie al suo preamplificatore integrato disattivabile ed è dotato di un piatto in alluminio pressofuso antirisonanza sopra il quale troviamo un classico tappetino in gomma. Il controllo dinamico anti-skate può essere regolato per ottimizzare il bilanciamento dei canali e ridurre al minimo il feedback e la distorsione, mentre il motore monitorato da un apposito sensore offre una rotazione precisa del piatto.

Il braccio dritto include un controllo di sollevamento smorzato idraulicamente e un supporto bloccabile e viene fornito con un portatestina AT-HS4 e una testina di fascia entry-level MM AT-VM95C (del valore di circa 40 euro) dotata di stilo conico da 0,6 mm; si tratta, più precisamente, di un modello compatibile con qualsiasi stilo di ricambio della serie VM95 (Ellittica, Ellittica Nude, Microlineare e Shibata) e dotato di cantilever in alluminio e di una tensione in uscita di 4,0 mV (in questa fascia di prezzo è difficile trovare di meglio). Tra le altre caratteristiche segnaliamo il coperchio in acrilico trasparente e il cavo RCA rimovibile, il tutto per un prezzo di listino di 339 euro che però online è già sceso di circa 30 euro.

Cambridge Audio Alva TT V2 e Alva ST

Come si evince dal nome, l’Alva TT V2 è la versione aggiornata del modello originale del 2019, il primo giradischi in assoluto con connettività Bluetooth aptX HD capace di streammare i vinili in modalità wireless a 24 bit/48 Hz a cuffie/speaker Bluetooth, anche se sappiamo che questo codec non restituisce un vero e proprio streaming lossless (è presente infatti una certa perdita di dati).

I miglioramenti rispetto al modello di tre anni fa includono un nuovo braccio con portatestina staccabile (che facilita un eventuale upgrade), uno stadio phono commutabile basato sul Cambridge Audio Alva Duo da 399 euro e l’opzione per spegnere il trasmettitore Bluetooth quando si sceglie la modalità hi-fi per una qualità del suono ottimale.

Per il resto troviamo le stesse caratteristiche del modello originale, ovvero un design a trazione diretta, che promette una serie di miglioramenti rispetto alla più tradizionale trazione a cinghia (tra cui una stabilità e una precisione della velocità maggiori), una testina MC ad alto rendimento (la Alva MC da 499 euro) e un piatto in poliossimetilene (un materiale scelto per la sua rigidità e densità), che viene fatto girare da un motore a coppia media alimentato da un alimentatore interno per favorire la scorrevolezza del movimento.

Il più economico Alva ST mantiene il supporto allo streaming wireless tramite Bluetooth aptX HD, lo stesso stadio phono integrato e lo stesso braccio del fratello maggiore, ma si basa su un design con trazione a cinghia e motore a due velocità a controllo elettronico. Il piatto, inoltre, è in alluminio pressofuso e la testina MM in dotazione è la meno pregiata Audio Technica AT-VM95e.

I giradischi Alva TT V2 e Alva ST sono usciti sul mercato al prezzo rispettivamente di 1999 e 999 euro, ma oggi si possono trovare online rispettivamente a 1799 e 895 euro.

Pro-Ject X2 B

pro-ject

Il Pro-Ject X2 B, evoluzione dell’X2 di quattro anni fa, offre rispetto al predecessore un’uscita XLR bilanciata (una mini-XLR a cinque pin) oltre a quella standard in formato RCA. L’X2 B si unisce così alla suite di prodotti Pro-Ject in grado di formare sistemi completamente bilanciati che al momento comprende il giradischi Pro-Ject X8 e gli stadi phono S3 B e DS3 B.

Disponibile in quattro finiture (legno di noce, vernice nera lucida e vernice satinata nera o bianca), l’X2 B è supportato da un ampio telaio rettangolare in MDF da 50mm a lavorazione numerica poggiato su tre piedini antivibranti per ridurre le risonanze indesiderate. All’interno, Pro-ject ha optato per una scheda DC/AC, che si combina con la scheda di controllo della velocità per lo switching automatico tra 33 e 45 RPM e supporto aggiuntivo per i 78 RPM. Il motore stesso è bilanciato e sospeso su una cinghia in TPE regolata con estrema precisione per disaccoppiarlo dal plinto principale e aziona un piatto da 30mm in acrilico pesante e non risonante tramite un sistema di azionamento del sottopiatto.

Come testina MC pre-installata troviamo una Ortofon Quintet Red, mentre il braccio da nove pollici è costituito da un sandwich di alluminio e carbonio con un portatestina integrato e un contrappeso smorzato in TPE. Progettato per essere leggero e rigido, questo braccio dovrebbe offrire una migliore resistenza alle interferenze esterne e può anche essere regolato per le impostazioni relativa ad azimut e VTA.

Secondo Pro-Ject la decisione di passare a uscite XLR bilanciate (standard diffuso nell’audio professionale ma molto meno nel mondo dei giradischi domestici) deriva dal fatto che questo tipo di connessione fa un lavoro migliore rispetto a un cavo RCA tradizionale nel rimuovere il rumore o “elettrosmog” creato dalle reti wireless e dai dispositivi elettronici.

Questo rumore può essere facilmente captato e amplificato quando si utilizza un cavo phono standard in cui un unico filo trasporta il segnale audio. In una connessione bilanciata invece il segnale viaggia lungo due core, uno dei quali è invertito, e, quando ricombinato, annulla le interferenze indesiderate per un migliore rapporto segnale-rumore. Il risultato? Pro-Ject, che consiglia (ovviamente) un abbinamento con lo stadio phono Phono Box DS3 B, descrive l’X2 B come “un giradischi musicale che offre bassi profondi e dettagliati, frequenze alte nitide e una gamma media accattivante e ben presentata”.

Rispetto al prezzo di listino di 1599 euro, il Pro-Ject X2 B si può oggi trovare online a circa 250 euro in meno.

© 2023, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Loading RSS Feed

    Pin It on Pinterest