Featured home HI-FI Prove What Hi Fi

Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità

pulse iv

Solitamente Leema Acoustics non delude, ma il suo nuovo integrato Pulse IV, seppur eccellente a livello di dettaglio, ci è piaciuto solo in parte.

Contrariamente a ciò che ci piace credere, la musica e la produttività non sempre vanno a braccetto. Potremmo divertirci ascoltando musica mentre lavoriamo, ma in realtà è una distrazione in più con cui il nostro cervello deve avere a che fare. La musica infatti non riguarda solo le note o le armonie, ma anche il modo in cui le note vengono suonate, i ritmi e le sensazioni.

Questi elementi di base catturano la nostra attenzione e, si spera, ci distraggono da ciò che stiamo facendo, ma proprio su questo versante molti dispositivi audio sbagliano o comunque non convincono del tutto. Ed è proprio in questa delicata posizione che ci siamo trovati una volta aver testato a fondo l’amplificatore integrato stereo Leema Acoustics Pulse IV, disponibile in Italia a circa 2500 euro.

Costruzione e caratteristiche

In realtà c’è molto da dire a suo favore, visto che il Pulse IV sembra a tutti gli effetti un integrato per cui valga la pena spendere questa cifra. Sfoggia ad esempio due grandi manopole, ha un telaio robusto e non è affatto povero di funzionalità. La parte posteriore ospita cinque ingressi analogici e sei digitali (tra coassiali e tre ottici), oltre a una USB Type-B e uno stadio phono per testine MM e MC.

Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità

Le uscite sono disponibili in formato RCA (tre in tutto) e, nella parte frontale, per le cuffie, mentre la connettività wireless è completa di Bluetooth aptX. All’interno del Pulse IV è poi presente un DAC con supporto per file DSD e PCM fino a 32 bit/384kHz che permette di sfruttare al massimo la vostra libreria audio ad alta risoluzione.

Qualità audio

Insomma, a prima vista sembra un amplificatore progettato per seri audiofili e, sotto certi punti di vista, suona di conseguenza. I primi aspetti positivi che notiamo sono un livello impressionante di dettagli e chiarezza e una gamma media particolarmente ricca, con un sacco di corpo e peso quando si inizia a scendere un po’ verso la fascia bassa dello spettro.

C’è un autentico piacere nell’ascoltare le trame degli strumenti e i tasti di un pianoforte che sembrano qualcosa di più di semplici bacchette che battono contro delle corde. Per i brani con una strumentazione parca questo integrato è davvero impressionante, offrendo un senso di intimità che avvicina moltissimo l’ascoltatore al musicista. Il Pulse IV evidenzia anche il passo avanti che si dovrebbe sempre notare tra componenti entry-level e di gamma media, soprattutto quando (come in questo caso) si riescono a percepire molti dettagli anche nei brani più densi da un punto di vista strumentale.

Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità

Nemmeno la resa in gamma bassa può essere ignorata. La sua profondità, anche a questo prezzo, è infatti sorprendente, ma colpisce ancora di più il modo in cui i bassi rimangono tesi e asciutti e non si mescolano con il resto delle frequenze. La gamma bassa rende la presentazione del Pulse IV davvero degna di nota ed è completata dall’altra parte dello spettro da alti altrettanto ricchi ed espressivi.

Ma anche se l’equilibrio è uniforme, la performance generale sembra un po’ “sconnessa”. Il timing e l’organizzazione sono i problemi principali che abbiamo riscontrato, con il Leema che fatica a tenere insieme anche un semplice 4/4 e a unire efficacemente gli strumenti, nonostante l’ottima resa dei dettagli a cui abbiamo già accennato.

Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità

Sembra quasi che l’amplificatore fatichi a seguire brillantemente anche le ritmiche più semplice e lineari e anche da un punto di vista delle dinamiche il Pulse IV non convince pienamente. Potremmo quasi descriverlo come una spugna che assorbe elementi espressivi senza poi permettere a questi di uscirne. La conseguenza di ciò è che le dinamiche più sottili e i cambiamenti dinamici più importanti non sono pienamente espressi, bensì suonati in modo da fornire una presentazione sì composta ma che non trasmette quasi nessun senso di trasporto o eccitazione.

Verdetto

Quella del Pulse IV è una fascia di prezzo in cui ci aspetteremmo che un’azienda importante come Leema riesca a eccellere e in passato ciò è avvenuto quasi sempre. Il Pulse IV, tuttavia, è un po’ deludente. Ci sono elementi che si addicono a un amplificatore integrato da 2500 euro, ma purtroppo la musicalità non è uno di questi.

  • Verdetto
3

Sommario

Solitamente Leema Acoustics non delude, ma il suo nuovo integrato Pulse IV, seppur eccellente a livello di dettaglio, ci è piaciuto solo in parte.

Pro
Presentazione brillante e dettagliata
Completo a livello di connessioni
Bassi agili e ben definiti

Contro
Fatica a livello di timing
Dinamicamente poco interessante

Scheda tecnica
Potenza: 80W RMS su 8 Ohm
Ingressi: 5 RCA, 3 ottici, 3 coassiali, USB TYpe-B, phono MM/MC, uscite cuffie, uscite preamp
Connettività: Bluetooth aptX
Peso: 11kg
Dimensioni: 435x90x375mm
Prezzo: 2500 euro
Sito del produttore: www.leema-acoustics.com

© 2020, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità e Leema Acoustics Pulse IV: tanto dettaglio ma poca musicalità dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    © 2020, MBEditore, riproduzione riservata.


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest