HI-FI Prove Prove AF

Sharp HT-SBW460 soundbar 3.1 per la famiglia

Sharp HT-SBW460 soundbar 3.1

Sharp HT-SBW460 una soundbar 3.1 per la famiglia

Il vostro schermo va ancora bene anche se ha qualche anno e questo non è il momento per cambiarlo. Poi c’è un nuovo abbonamento da pagare e la spesa si sposta sulle piattaforme di streaming. Tra cinema, serie e calcio non si finisce più. Potete tenervi il vostro vecchio schermo ma sappiate che un upgrade potrebbe “rivitalizzarlo”.

Qualcosa che faccia giustizia ai contenuti delle piattaforme e porti le nostre sfide sulle consolle di gioco al massimo coinvolgimento. Spendendo il giusto, s’intende. La risposta a tutto questo è una soundbar e qui raccontiamo la Sharp HT-SBW460 3.1 Home Theater System con Dolby Atmos.

Traduciamo subito quanto scritto. È un sistema audiovideo che consente di riprodurre gli effetti dell’audio del cinema. Questo modello supporta, a seconda della fonte e dell’ingresso, il Dolby Atmos, il Dolby Digital e l’audio PCM. HT-SBW460 ha a disposizione 3.1 canali che significa uno destro, uno sinistro e uno centrale a cui si aggiunge il subwoofer che accentua i bassi profondi. Con questo prodotto sarete quindi al passo con i tempi con una coinvolgente potenza di 440 W.

Contenuto scatola Sharp HT-SBW460 3.1
La confezione comprende il kit per l’installazione a muro e un cavo HDMI ARC

Sharp HT-SBW460 3.1 Home Theater System apriamo la scatola

La confezione comprende la soundbar, il subwoofer, telecomando, batterie, supporti per il fissaggio a muro, cavo HDMI ARC.  Il prodotto è molto largo ma questo va di pari passo con la tendenza ad avere dimensioni sempre maggiori nei televisori. Diciamo che è peretta per un 55” il “polliciaggio” più venduto da qualche anno. Il design non è il suo forte ma bisogna dire che le soundbar si assomigliano un po’ tutte.

Il collegamento con il subwoofer (di dimensioni contenute) è wireless e ci risparmia un cavo in più. Installare la Sharp HT-SBW460 è facile.

Se il vostro televisore è recente il cavo HDMI per l’ingresso ARC (Audio Return Cable) in dotazione risolve ogni problema. In caso contrario potete collegare la fonte (nel mio caso un Android Box X96 4K) alla soundbar e dalla soundbar alla TV. In questo caso serve 1 cavo HDMI oltre quello in dotazione. Un’altra soluzione è comprare uno splitter per separare il segnale, se non siete esperti chiedete a un amico bravo. Un’altra porta HDMI consente una ulteriore connessione ma altre posso essere fatte con gli ingressi digitali (ottico e coassiale). Per le connessioni disperate è disponibile una connessione AUX con il cavo jack da 3,5 mm. Una porta USB serve per ascoltare i file MP3 su chiavetta. Utilissima la connessione Bluetooth (facile e veloce) per ascoltare i contenuti multimediali o ad esempio Spotify su telefoni e tablet.

Sharp HT-SBW460 3.1 connessioni

Sharp HT-SBW460 3.1 connessioni

Le istruzioni sono abbastanza coincise al punto che la Quick Reference Guide è praticamente il libretto di istruzioni senza immagini, avvertenze e parti tecniche. Su questo il libretto tira via e immedesimandomi in un consumatore inesperto ho scritto al centro di assistenza clienti per informazioni. Il tono provocatorio ed arrabbiato di chi non si trova a suo agio con un acquisto non ha scalfito l’assistenza clienti di Sharp che in un mese non ha dato una risposta. È bene dire che anche questo è parte del prodotto e trovo che una pronta risposta all’azienda possa risolvere problemi e restituzioni. Quindi consumatori contenti e azienda più ricca. Win win.

Sharp HT-SBW460 3.1 La prova sul campo

A questo punto sono pronto per la prima visione e opto per contenuti su Netflix, Amazon Prime e Disney +, rispettivamente Stranger Things, The Man in the High Castle e Avengers Endgame. Il subwoofer si fa sentire e lui da solo basterebbe a convincere all’acquisto. Anche gli effetti Dolby accompagnano l’azione, soprattutto con il surround. Qualche scena ha i dialoghi non troppo chiari. Ma regolando un po’ gli alti e i bassi ottengo l’ascolto desiderato. La soundbar dispone anche di quattro equalizzazioni preimpostate per diversi impieghi: Moovie, Music, News e Notte.

L’audio di questa prova non era in Dolby Atmos ma anche così è ok. Per potere provare il Dolby Atmos ho dovuto fruire dell’ospitalità di un vicino che di recente ha fatto un investimento tecnologico a 60 pollici. Il suono del TV migliora e anche qui si apprezza subito la presenza del subwoofer. Ad essere sinceri non sento la differenza tra questo ascolto e quello casalingo ma devo sottolineare che sono impressioni fatte in ambienti diversi e tempi diversi.

Sharp HT-SBW460 3.1 ascoltare in Dolby Atmos

Una piccola digressione sul Dolby Atmos. Per avere contenuti in Dolby Atmos bisogna che il film o la serie sia stata prodotta con questi contenuti, che la vostra connessione sia veloce, che il vostro abbonamento preveda la massima qualità, che il TV o la smart box o la consolle sia in grado di supportare lo standard e che ci sia un ampli che lo legga (come fa ad esempio la soundbar Sharp). Insomma …e venne lo smart TV che morse il device che si mangiò il router che al mercato il Dolby comprò. Un po’ complicato, ma attenzione, del Dolby non potremo farne a meno. Dolby è un colosso e sta imponendo sempre di più i propri standard e le prossime produzioni avranno sempre più suoi contenuti. Inoltre, Dolby Atmos viene impiegato anche per la musica come abbiamo scritto qui. Una soundbar con il Dolby Atmos risulterà prima o poi utile e questa funziona bene anche senza.

Esploso della Sharp HT-SBW460 3.1
Con tutti i limiti di una soundbar la Sharp HT-SBW460 coi suoi 3.1 canali si difende

Sharp HT-SBW460 3.1 prova audio

A questo punto la provo in Bluetooth con Spotify Premium. Libero l’adolescente che vive in me e alzo il volume. Scelgo brani ritmati ma sono alla fine sono un boomer e mi concentro tra i Depeche Mode e Adele. Dalle stanze appaiono gli adolescenti veri e partono i brani di artisti a me sconosciuti. Dopo un po’ appare anche mia moglie sulla soglia di casa e mi informa che sentiva la musica dal box nel seminterrato (e noi abitiamo al terzo piano). Si affacciano anche i vicini. Fine della prova. Giudizio: non è un apparecchio per ascoltare la musica, ma è un ottimo apparecchio per fare festa.

Sharp HT-SBW460 3.1: Morale della prova

Alla larga se siete esperti e facoltosi, esistono cose migliori per le vostre esigenze, ma voi già lo sapete. Per chi invece vuole aggiungere emozioni alle sfide su consolle o vedersi Bohemian Rhapsody “a palla”, senza spendere un capitale o complicarsi la vita, la soundbar Sharp HT-SBW460 rappresenta una buona opportunità. Soprattutto se vivete in una villetta e non avete vicini. Se volete potete acquistarla anche su Amazon.

Sharp HT-SBW460 soundbar dati tecnici

Soundbar: 2 x 25 W + 50 W (RMS); Peso: 2,5 Kg; Dimensioni: 70 x 950 x 105 mm

Subwoofer: 120 W (RMS); Peso: 5,4 Kg; Dimensioni: 240 x 249 x 415 mm

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest