AF Gaming Featured home Hardware News

Audio 3D e driver planari per le cuffie gaming Audeze Mobius

Audeze Mobius

Attese sul mercato entro fine giugno a 399 dollari, le cuffie gaming Audeze Mobius puntano tutto sui driver planari da 100mm e su una nuova tecnologia di audio 3D che promette meraviglie.

Dovrebbero arrivare sul mercato a giugno a un prezzo di 399 dollari dopo una raccolta fondi di grande successo su Indiegogo. Stiamo parlando delle Audeze Mobius, cuffie planari wireless di nuova generazione che il produttore americano ha realizzato con in mente soprattutto un’utenza gaming (c’è anche un microfono removibile), visto che il loro cuore tecnologico è un nuovo sistema in grado di rilevare la posizione della testa in 3D.

Le Audeze Mobius integrano due driver planari da 100mm all’interno di padiglioni chiusi circumaurali e il produttore assicura una qualità audio pari a quella espressa dalla sua gamma di cuffie LCD già apprezzata da molti audiofili. D’altronde parliamo di cuffie con una risposta in frequenza compresa tra 10 Hz e 50 kHz e con una pressione sonora massima di 120 dB.

Audeze Mobius

Le Audeze Mobius possono essere utilizzate in modalità wireless tramite Bluetooth, sia in modalità cablata tramite USB-C o il classico cavo audio con jack da 3,5mm, ma in tutti i casi le cuffie devono essere accese per funzionare (non è prevista una modalità di ascolto passiva anche tramite cavo) visto l’utilizzo del DSP Audeze Cipher che richiede appunto uno stato “attivo” per funzionare. La batteria integrata dovrebbe assicurare almeno 10 ore di autonomia nel caso si abiliti la funzionalità 3D e, immaginiamo, qualcosa di più senza questa feature nel caso si voglia solo ascoltare musica in stereo.

Feature che rappresenta però il vero fulcro di tutta l’esperienza offerta dalle Mobius. Gestita sempre dal DSP Cipher, questa funzione serve sia per monitorare continuamente la posizione della testa in modo che i suoni provengano sempre dalla stessa direzione, sia per emulare la spazialità tramite un’elaborazione software (in pratica un surround virtuale). Non a caso nel setup iniziale delle cuffie bisogna eseguire una calibrazione che emula vari set-up di ascolto (da un classico 2.0 stereo fino a un surround 7.1).

Audeze Mobius

La funzionalità 3D è comunque disattivabile, ma immaginiamo che in pochi siano interessati a cuffie simili solo per un ascolto stereofonico. Siamo davvero curiosi di sentire all’opera le Audeze Mobius sia per il blasone del produttore, sia per questa nuova tecnologia 3D che potrebbe dare nuova linfa al surround virtuale (spesso scadente) di molte cuffie gaming.

© 2018, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest