Audio portatile Featured home Prove What Hi Fi

Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza

Dali IO-4

Prive della cancellazione attiva del rumore delle IO-6, le cuffie wireless Dali IO-4 assicurano comunque un sound raffinato e dettagliato

Meglio conosciuto per i suoi pluripremiati diffusori Oberon e Spektor e, più recentemente, per la soundbar Katch One, il produttore danese Dali si è invece avvicinato tardi al mercato delle cuffie. In effetti, la doppia gamma IO rappresenta la prima incursione di Dali nel settore delle cuffie over-ear wireless. In precedenza abbiamo recensito le IO-6 e sebbene fossimo colpiti da forma, finezza, dettagli e funzionalità, abbiamo notato che le prestazioni audio mancavano un po’ di impatto dinamico. Il secondo modello della gamma qui esaminato, l’IO-4, costa oltre 100 euro in meno (310 contro 400 euro) e infatti rinuncia alla funzione di cancellazione attiva del rumore dell’IO-6. Vediamo come se la cava.

Comfort

Le Dali IO-4 sono altrettanto premium come ci si aspetterebbe da un paio di cuffie piuttosto costose. Peso, dimensioni e finitura sono praticamente le stesse che ricordiamo dai test delle IO-6. Le IO-4 pesano 5 grammi in meno, ma non possiamo accorgersi della differenza quando si indossa un modello dopo l’altro. Posizionandole fianco a fianco, l’unica differenza percepibile è il piccolo pulsante circolare accanto alla porta USB-C sul padiglione destro delle IO-6.

Questo pulsante attiva o disattiva le opzioni di cancellazione del rumore che, ovviamente, il modello IO-4 non supporta. Ma poiché i padiglioni auricolari offrono una buona quantità di isolamento solo nel loro design chiuso, in realtà ci manca a malapena la funzione di cancellazione del rumore quando siamo in giro.

Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza

 

Costruzione

I padiglioni sono anche morbidi e in grado di ruotare di 90 gradi, rendendoli comodi intorno al collo e sulla testa. I padiglioni possono anche essere appiattiti per rendere le cuffie più pratiche da riporre, anche se è un peccato non avere la stessa custodia da viaggio con cerniera come per le IO-6. Non esiste un’app dedicata per modificare questo e quello, ma non ne sentiamo il bisogno. Dali è famosa per i suoi diffusori e qui le vere “stelle” sono il driver con cono in fibra di carta da 50 mm personalizzato e la parte esterna dei padiglioni rinforzata e rigida come un cabinet per diffusori, con smorzatori di gomma all’interno per eliminare le vibrazioni.

Detto questo, un altro punto a favore delle cuffie è la durata della batteria, che si avvicina incredibilmente alle 60 ore, il doppio di quella del modello più costoso con cancellazione del rumore. Nel caso improbabile che rimaniate senza più batteria, potete continuare ad ascoltare in modalità “off” o passiva (cablata) usando il cavo mini-jack in dotazione. Il tempo di ricarica, grazie alla porta USB-C, è di sole 2,5 ore da 0 a 100.

In termini di codec wireless, sono supportati aptX Bluetooth, aptX HD e Apple AAC. I controlli sull’auricolare destro funzionano a meraviglia. Per la regolazione del volume, basta premere leggermente la parte superiore o inferiore del disco esterno e, per il controllo della traccia, la gestione delle chiamate o la connessione all’assistente vocale di turno, c’è il pulsante centrale con il logo di Dali.

Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza

Durante il nostro ascolto, la connessione Bluetooth è risultata solida e le chiamate vocali sono state chiare e limpide. Ogni volta che si attiva il dispositivo di scorrimento dell’alimentazione per accendere le cuffie, una voce annuncia la percentuale della batteria e lo stato di associazione: un tocco delizioso che vorremmo trovare in tutte le cuffie wireless.

Qualità audio

Iniziamo ad ascoltare Illusion Of Time di Daniel Avery e Alessandro Cortini su Tidal. Il vento va da un orecchio all’altro e, man mano che le progressioni di accordi aumentano, la resa è molto espansiva; una stratificazione coerente ma spaziosa di suoni che pochi set di cuffie a questo prezzo possono eguagliare.

Stereo L arriva con notevole trasparenza in tutte le frequenze; dal synth e dai riff ritmici di basso fino alle tastiere con le loro note acute. Le Dali gestiscono i fila sonore stratificate che caratterizzano il lavoro di Avery con facilità e classe. Passiamo a Panini di Lil Nas X e il fischio all’inizio della traccia è straordinariamente dettagliato e facilmente riconoscibile. La voce di Nas X è emotiva e strutturata, perfettamente centrale nell’accompagnamento mentre le IO-4 trasmettono abilmente questa traccia cupa. In tutta North Hanging Rock dei British Sea Power il canto degli uccelli che abbiamo faticato a rilevare attraverso cuffie minori arriva forte e chiaro: questo è il dettaglio in più offerto.

Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza

Passiamo all’album Psychodrama di Dave e una piccola ma significativa lamentela che abbiamo fatto nei confronti delle IO-6 si rivela tale anche nelle IO-4. Adoriamo la separazione, la trasparenza, la chiarezza e i dettagli presenti nella voce e in altri strumenti attraverso tutte frequenze, ma il problema riguarda la spinta ritmica e lo slancio: in pratica l’impatto che rende emozionanti le canzoni di Dave.

Le IO-4 gestiscono il nostro materiale sorgente con raffinatezza ed eleganza e mentre questo può prestarsi a un’esibizione spaziosa con alcuni generi di musica, se un paio di cuffie altera qualsiasi registrazione musicale, attenuando l’impatto dinamico, gli aggettivi raffinate ed eleganti non sono sempre quelli più desiderabili. Ciò è particolarmente vero per una traccia ritmicamente spigolosa.

Nel tentativo di fornire un suono hi-fi integrato e coeso, le Dali rendono elementi come un riff di basso o un lick di chitarra leggermente più distanti e meno esuberanti. Ascoltiamo gli stessi brani con le Sony WH-1000XM3 e lo zelo extra, come la spinta ritmica che alimenta l’ode di Dave alla sua città natale Streatham, è presente.

Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza

Verdetto

Non c’è dubbio che Dali abbia realizzato un ottimo prodotto con le IO-4, che vantano innanzitutto una resistenza e un comfort impressionanti. Offrendo un modello senza cancellazione del rumore, Dali è anche riuscita a tenere un prezzo più basso delle più costose IO-6. Se state cercando un paio di cuffie che offrano un suono raffinato, semplice e spazioso e gestiscano i dettagli di gamma media e la voce particolarmente bene, l’avete trovato.

Dinamicamente però le Dali IO-4 sono meno espressive di quanto avremmo voluto. Mentre ci troviamo occasionalmente a utilizzare queste cuffie anche per un ascolto post-recensione, a volte per i dettagli, a volte per una versione diversa e più riservata della nostra musica, è il sound più energico e accattivante delle Sony WH-1000XM3 che continuiamo a preferire.

  • Verdetto
4

Sommario

Prive della cancellazione attiva del rumore delle IO-6, le cuffie wireless Dali IO-4 assicurano comunque un sound raffinato e dettagliato.

Pro
Sound brillante ed espansivo
Voci molto dettagliate
Costruzione e materiali premium

Contro
C’è di meglio in giro a livello ritmico e dinamico

Scheda tecnica
Ingressi: 3,5 mm, USB-C
Bluetooth versione 5.0 aptX HD
Impedenza: 25 ohm
Gamma di frequenza: 10Hz-20kHz
Classificazione IP: IP53
Durata della batteria: Fino a 60 ore
Peso: 320 g
Prezzo: 319 euro
Sito del produttore: www.dali-speakers.com

© 2020, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza e Dali IO-4: le cuffie wireless amanti del dettaglio e della raffinatezza dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    © 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

    AF Theater, la tua location per test ed eventi. Clicca per info e costi


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest