AF Focus Tecnologie Tendenze

Diffusori e soundbar: mi faccio il Dolby Atmos in casa!

dolby atmos

Vi proponiamo alcuni dei migliori diffusori Dolby Atmos per arricchire un impianto home cinema già esistente o crearne uno da zero

Anche se il materiale in lingua italiana in Dolby Atmos (e in parte ancora minore in DTS:X) è ancora poco, soprattutto per quanto riguarda le tracce audio degli Ultra HD Blu-ray, la volontà di dotarsi di un impianto casalingo in grado di rendere al meglio questa codifica “object-based” ha contagiato molti appassionati. Come scegliere però i migliori diffusori concepiti per il Dolby Atmos e su quali puntare a seconda dell’impianto home thester che si ha già o che si vuole costruire da zero?

Per chi ha già un sistema home audio in configurazione 5.1, 7.1 o 9.1 con numerosi diffusori già installati e ovviamente con un amplificatore compatibile con Dolby Atmos, la soluzione più efficace ed immediata può essere quella di aggiungere una coppia di diffusori Atmos sopra quelli già esistenti. Il loro compito è quello di riprodurre il segnale inviato dall’uscita dedicata dell’amplificatore e farlo rimbalzare sul soffitto o sulle pareti in modo da ricreare una sensazione sonora di “verticalità” da aggiungere a quella surround tipica dei sistemi multicanale tradizionali.

dolby atmos apertura

Se non è possibile appoggiare altri diffusori sopra quelli già esistenti o non intendiamo farlo, si può optare per diffusori da pavimento già comprensivi di un driver rivolto verso l’alto o per diffusori da installare sul soffitto o sulle sommità delle pareti, sebbene la loro installazione sia un po’ più complessa. La soluzione meno costosa, più immediata e alla portata di tutti è però quella della soundbar, anche se i modelli Dolby Atmos davvero in grado di far sentire allo spettatore l’effetto di verticalità sono pochi e piuttosto costosi.

Vi proponiamo di seguito alcuni dei migliori diffusori Atmos oggi sul mercato e una soundbar che, più di tutte le altre, ci ha convinti, anche se il prezzo elevato scoraggerà i più.

KEF Q50A – 520 euro

dolby atmos

I Kef Q50A a due vie vanno posizionati sulla parte superiore dei diffusori esistenti (da stand, scaffale o pavimento) e rivolti verso il centro della stanza. Gli ingegneri KEF li hanno progettati per dirigere il segnale audio verso l’alto in modo che venga riflesso dal soffitto. Per un’esperienza più coinvolgente, è consigliato optare per l’acquisto di 2 coppie di diffusori (due sopra i frontali, due sopra i posteriori). Da segnalare la risposta in frequenza di 105 Hz-18.5 kHz, l’impedenza di 8 Ohm e 106 dB di sensibilità.

Monitor Audio Bronze AMS 6G Dolby Atmos – 373 euro

Con i Monitor Audio Bronze AMS 6G si scende di prezzo e si deve accettare qualche compromesso come alcuni elementi in plastica che li rendono diffusori Atmos più “economici” alla vista rispetto ad altri. Grazie però alle dimensioni contenute possono essere compatibili con la maggior parte degli speaker da scaffale o da pavimento esistenti e, volendo, possono essere appesi al muro grazie al pratico supporto integrato e fungere da speaker surround. Questi diffusori a due vie con tweeter da 25 mm e drive full-range da 100 mm presentano una risposta in frequenza di 120 Hz – 25 kHz e una sensibilità di 86 dB.

Klipsch R-41SA – 385 euro

I Klipsch R-41SA sfruttano una particolare tecnologia di direttività controllata caricata a tromba, che fa rimbalzare il suono sul soffitto per creare un’esperienza di ascolto coinvolgente. Il tweeter in alluminio LTS (Linear Travel Suspension) riduce al minimo le distorsioni e, in alternativa, i diffusori si possono montare a parete per essere utilizzati come diffusori surround.

Dali Alteco C-1 – 329 euro

dolby atmos

Questi diffusori a 2 vie in cassa chiusa con coni in fibra di legno e tweeter a cupola morbida possono essere utilizzati per l’effetto Dolby Atmos se posizionati sopra altri diffusori già esistenti, ma possono fungere anche da diffusori front o surround. Grazie all’interruttore presente sulla parte frontale si può scegliere in che modo direzionare il suono: verso il basso con un angolo morbido (posizione UP) oppure diretti per un ascolto ravvicinato (posizione DOWN). La risposta in frequenza dichiarata dalla Dali è di 74 – 26.000 Hz, mentre le altre specifiche tecniche riportano una sensibilità di 83 dB e una pressione SPL di 103 dB, oltre che un’impedenza nominale di 6 Ohm.

Focal SIB Evo 5.1.2 – 890 euro

Non diffusori singoli ma un vero e proprio kit Atmos in configurazione 5.1.2 seppur limitato a cinque diffusori (più il subwoofer). Gli speaker frontali presentano in realtà un driver indipendente che indirizza il suono verso il soffitto, evitando così di aggiungere ulteriori diffusori per creare l’effetto Atmos. Ogni speaker del kit è composto da un driver full-range da 5’’ in polyflex e da un tweeter in seta che permettono risposte in frequenza da 70 a 25.000 Hz. Il subwoofer è dotato da un cono da 8” alimentato da un amplificatore in classe D da 800 watt.

Sony HT-ST5000 – 1600 euro

dolby atmos

Il “pezzo” più pregiato di questo elenco è una soundbar di Sony in grado di riprodurre una configurazione a 7.1.2 canali. La soundbar integra frontalmente sette driver da 65 mm, tre dei quali (il centrale, il destro e il sinistro) hanno i tweeter montati nel mezzo. Nella parte superiore della soundbar troviamo invece due driver che puntano verso l’alto, in modo da far convergere il suono in verticale in maniera realistica.

Come connessioni troviamo tre entrate e un’uscita HDMI, tutte HDCP 2.2 e con supporto al passthrough di segnali 4k/HDR, un ingresso ottico, una porta USB e un jack da 3,5mm. Possiamo utilizzare la Sony HT-ST5000 come speaker anche in modalità wireless tramite Wi-Fi o Bluetooth (qui in versione 4.1), oppure sfruttando la porta Ethernet per ascoltare brani presenti su un PC o un NAS. Se poi siete soliti streammare musica dal vostro smartphone, la soundbar integra già Spotify Connect, oltre a Chromecast con supporto a decine di app di streaming audio. Certo, il prezzo non è per tutti, ma se cercate un solo componente audio per godere del Dolby Atmos e odiate i cavi, ecco la soundbar che fa per voi.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest