Cinema Entertainment

La Belva, l’ennesimo successo targato Netflix.

Credit Netflix

Cosa non farebbe un padre per la propria figlia? Se poi il padre chiamato in causa è un ex militare cosa potrebbe accadere? Suspence e azione per questo film Netflix.

La Belva è il nuovo successo targato Netflix. La Groenlandia di Matteo Rovere con la regia di Ludovico De Martino, conosciuto dal grande pubblico come regista di Skam ha tirato fuori un prodotto che scorre veloce e tiene lo spettatore incollato allo schermo.

Trama

Il protagonista Leondia Riva (Fabrizio Gifuni) è un ex capitano delle forze speciali dell’esercito italiano. Il film si apre con Riva alle prese con problemi da stress post traumatico derivanti dalle sue missioni all’estero che lo hanno profondamente segnato. Trent’anni di missioni ti lasciano il segno e soprattutto non è facile parlarne e farsi aiutare.

Riva vive da solo, è separato dalla moglie ed ha un rapporto controverso con Mattia, il figlio adolescente che sembra essere accecato dalla rabbia nei confronti del padre al contrario di Teresa, la figlia minore, che invece cerca di creare un rapporto col padre.

Una sera Riva invita i figli a cena e pur se con molte rimostranze il figlio maggiore decide di accompagnare la sorellina a cena dal padre. Durante una breve sosta ad un fast food Mattia perde di vista Teresa che scompare. Mattia tenta in tutti i modi di capire cosa sia successo ma alla fine l’unica cosa da fare è avvisare la polizia ed il padre.

Riva arriva sul posto e silente, inizia ad ascoltare le conversazioni della polizia. Improvvisamente dopo aver sentito di un’auto sospetta nei paraggi schizza via con l’auto e si mette all’inseguimento del mezzo sospetto tra lo sguardo sgomento dei presenti. Da lì in poi si susseguiranno una serie di azioni rocambolesche fatte di inseguimenti e duelli all’ultimo sangue. Riuscirà il capitano Riva a riportare a casa sana e salva la figlia Teresa? Se non l’avete ancora fatto scopritelo su Netflix.

 

© 2020, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest