Editoriali Inchieste

LA POSTA DEL CUORE, I FONDAMENTALI

La rubrica di AFDigitale, “la posta del cuore”, dove chiedete consigli e informazioni sull’impianto ha riscosso un successo oltre misura. Giorgio Loreti comincia dai fondamentali dell’alta fedeltà per rispondere a molte delle vostre domande.

Ho letto le lettere, numerose, arrivate in seguito alla proposta fatta nel mio precedente articolo.
Non potendo rispondere personalmente a tutti, cercherò di proporre una sintesi delle diverse lettere ricevute, con alcuni consigli e suggerimenti generali.
Vediamo prima di tutto che tipo di lettere sono arrivate:
1) Ho un impianto con A+B+C, cosa ne pensate?
2) Vorrei sostituire il prodotto A, o B, o C ecc. con un altro prodotto, che cosa mi consigliate?
3) Vorrei un nuovo prodotto che abbia un suono simile a quello che sentivo prima…
4) Ho questo importo da investire, che cosa mi consigliate?
5) Sono un nuovo, da dove comincio?
Altre sono varianti più o meno sui punti citati.
A questo punto qualcuno potrà chiedersi: “perché avete offerto questa possibilità se non rispondete a ogni lettera?”
La risposta a questa domanda è duplice.
Da una parte serve a conoscere il pubblico che ci legge, e quindi a calibrare i contenuti e dall’altra è uno stimolo, almeno da parte di che scrive, di ribadire i concetti fondamentali con i quali si sceglie e si acquista un impianto alta fedeltà. Occorre quindi distinguere i “nuovi assoluti” da coloro che un impianto lo hanno e lo vogliono migliorare o aggiornare (o tornare al vinile, anche questo è un aggiornamento come vedremo).

I fondamentali. Partiamo da chi ha già un impianto e lo vuole migliorare.

A chi chiede è meglio A di B, però mi piacerebbe anche avere C, che cosa rispondere?
Primo: non è il singolo prodotto che è buono o meno, ma l’insieme degli accoppiamenti che producono un risultato.
Secondo: in negozio mi è piaciuto ma in casa suona diversamente (ovvio!), perché la stanza è diversa, il resto dei miei componenti è diverso ecc.
Quindi? Non si può portare il negozio in casa e provare tutte le combinazioni. Quello che mi sento di rispondere a chi ci scrive chiedendo consiglio, suggerisco di concentrarsi sui fondamentali.

Ribadisco la gerarchia principale nella corretta sequenza.

Stanza, grandezza e distanza di ascolto
Diffusore, dimensione e risposta in frequenza
Amplificazione specifica per il diffusore scelto
Sorgente, sia essa analogica o digitale, con supporto fisico o in streaming

E’ fondamentale a mio modo di vedere, seguire scrupolosamente questa sequenza.

Nella mia carriera ho visto moltissimi impianti che non corrispondevano a questa logica (stanze piccole con diffusori grandi e viceversa, amplificazioni non adatte a quel diffusore ecc.), con inevitabile insoddisfazione dell’utilizzatore e continua ricerca di nuovi prodotti.
Chi ha letto i miei articoli precedenti può approfondire queste tematiche. Per i “nuovi assoluti”, è in preparazione un articolo apposito.

Nel frattempo per loro (e per tutti) suggerisco una recente scoperta per partire con il piede giusto.Dal cellulare con la cuffietta in dotazione ad una interfaccia che ritengo molto valido della Helm Audio come il BOLT DAC/AMP, con decodifica MQA, per chi usa Tidal Master, e certificazione THX, garanzia di qualità per lo scrivente.

Alla prossima

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest