Accessori Featured home Hi-Fi

Piedini per elettroniche HiFi Lab

Qualsiasi appassionato – prima o poi – prende in considerazione la possibilità di sostituire parti accessorie di un dispositivo ad alta fedeltà con altre di più nobile fattura, ovvero realizzate con materiali più solidi, meglio rifiniti e maggiormente performanti in relazione alla loro specifica funzione. Uno degli elementi più gettonati è costituito dai piedini di supporto, fin troppo spesso realizzati in plastica, pur essendo questi un importante elemento di schermatura verso la trasmissione di indesiderate vibrazioni.

Da parecchio tempo sotto alle elettroniche HiFi anche di un certo livello, sono sovente installati piedini di supporto in plastica dall’aspetto metallico, solo un connotato estetico appunto, ma in fin dei conti sempre di plastica si tratta.

La cosa si spiega in parte anche considerando la possibilità di lavorare i polimeri in modo da renderli indistinguibili dal metallo – a tal proposito è sufficiente osservare determinate finiture pseudo metalliche presenti in molte autovetture – dettagli che rendono l’abitacolo più ricercato e rifinito senza appesantire eccessivamente i costi di produzione.

Nel nostro settore – a parte manopole, levette, pulsanti ad altri particolari considerati di minore importanza – da parecchio tempo si assiste ad un progressivo aumento della percentuale di utilizzo della materia plastica, sempre più presente ed onestamente, almeno in certi casi, decisamente eccessiva.


Abbiamo già scritto in proposito – potete leggere qui le nostre impressioni – di quanto il settore abbia subito una qual certa involuzione in relazione alla qualità media della costruzione, ragione per la quale eviteremo di ripeterci, vorremmo in ogni caso attirare la vostra attenzione su un particolare che può davvero essere sostituito a prezzo conveniente a dal rapporto q/p particolarmente favorevole: il piedino di sostegno dell’elettronica.

Uno dei numerosi modelli prodotti dalla HiFi Lab: alluminio massiccio ed o-ring di isolamento

Accessori che possano adempiere alla loro funzione senza costare uno sproposito ne esistono, si tratta solo di scovarli, e girovagando su Amazon abbiamo individuato un’azienda austriaca – magari poi la produzione è effettuata in Cina, ma non è certissimo, e comunque il livello è effettivamente alto – che produce piedini di sostegno per elettroniche davvero ben fatti.

E siccome non amo parlare per sentito dire, sulla loro fattura ed efficacia posso personalmente garantire avendoli acquistati per equipaggiare il plinto di un giradischi da me sottoposto a restauro: al costo di appena 26 euro per quattro pezzi (qui il link in caso intendiate acquistarli) sono venuto in possesso di un prodotto davvero ineccepibile.

Il plinto descritto nel testo equipaggiato con i suddetti piedini HiFi Lab

 

Realizzati in alluminio massiccio, nel mio caso presentano dimensioni di circa 44 x 17 mm, sono disponibili sia in nero che in argento (io li ho presi così) e dispongono di una sede filettata di tipo M4, ovviamente le corrispondenti viti sono fornite.

A parte il connotato meramente estetico dovuto alla loro sostituzione – qualcosa che in certi casi fa veramente la differenza e rende il dispositivo esteticamente molto più bello – assolvono la loro funzione in modo eccellente: maggiore robustezza nel sostegno, minore trasmissione di risonanze e/o vibrazioni a causa della loro massa – necessariamente diversa – legata alla componente metallica.

Dettaglio di un altro modello: in evidenza la sede destinata ad ospitare la vite di fissaggio (in tale caso passante)

Insomma, davvero un prodotto eccellente, venduto tra l’altro ad un costo ampiamente accettabile ed onestissimo se si considerano fattura e materiali, qualcosa che altri rivenderebbero “al pezzo” e che invece HiFi Lab rende disponibile in quartetto, bravi!

Come anticipato, la produzione della HiFi Lab è piuttosto ampia e comprende anche altri particolari – manopole di varie dimensioni per volume o controlli di tono, connettori RCA da pannello, morsetti per altoparlanti ed altri interessanti accessori – tutti in ogni caso offerto a prezzi accettabilissimi, il che rende possibile l’opera di sostituzione senza troppi problemi nei confronti del portafoglio, qualcosa sempre gradita.

I suddetti piedini possono – altresì – essere installati anche sotto ai diffusori migliorandone la stabilità e contribuendo al loro isolamento nei confronti del pavimento e della trasmissione delle frequenze da essi riprodotte. E per chi è attento a questi dettagli, data la fattura con o-ring in gomma accoppiante, il loro effetto sarà molto diverso da quello delle famose punte, notoriamente in grado di “sgrassare” le frequenze basse.

Come al solito, ottimi ascolti!!!

© 2022, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest