Featured home Home cinema Notizie Tendenze

Servizi streaming: c’è sempre più voglia di contenuti in 4K

svod

Un nuovo sondaggio di IHS Markit mostra come i contenuti in 4K siano ormai un requisito essenziale per la scelta del servizio streaming a cui abbonarsi.

Dopo il report di alcuni giorni fa sul mercato globale dei TV di cui abbiamo parlato qui, IHS Markit ha appena pubblicato i risultati di un interessante sondaggio sui contenuti in 4K-UHD effettuato intervistando un numero non meglio specificato di consumatori negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Giappone e Brasile.

Più di un terzo (36%) degli abbonati a servizi di Video on Demand in ogni loro forma ha indicato che i contenuti UHD sono importanti nella scelta del servizio da sottoscrivere, sia per i servizi a pagamento che per quelli gratuiti. Gli adulti sotto i 35 anni, e in particolare i maschi, sono risultati i più interessati ai contenuti in 4K, soprattutto se si considera la fascia dai 25 ai 34 anni. La preferenza per la fruizione dell’UHD è in linea con il crescente, anche se “piccolo”, numero di titoli UHD disponibili e la crescente penetrazione nel mercato di televisori Ultra HD.

Servizi streaming: c’è sempre più voglia di contenuti in 4K

Dopotutto la precedente ricerca di IHS Markit rivelava che oltre 4 televisori su 10 spediti a livello mondiale nel secondo trimestre del 2018 erano modelli 4K. Su questo versante tra l’altro è in Europa occidentale che si osserva la percentuale più alta (60%) di TV 4K sul totale dei televisori installati, con gli USA e la Cina al secondo posto (53%) e il Giappone e la Russia al terzo posto con il 41%.

I consumatori che hanno indicato il contenuto UHD nella scelta dei servizi video avevano più probabilità di altri di possedere dispositivi con supporto al 4K come console per videogiochi e dispositivi di streaming over-the-top (OTT) come Apple TV 4K e Chromecast Ultra. I possessori di Apple TV, PS4 Pro, Xbox One X e altri dispositivi compatibili con tecnologia 4K hanno registrato il più alto tasso di connessione allo schermo TV principale, indicando il desiderio di utilizzare le ultime tecnologie e di guardare i contenuti video in Ultra HD.

Servizi streaming: c’è sempre più voglia di contenuti in 4K

Questo risultato è particolarmente importante in un momento in cui la maggior parte dei dispositivi connessi consente l’accesso ad applicazioni di contenuti video in 4K. In questo scenario la penetrazione di Netflix è aumentata del 75% tra i consumatori che ritenevano importante il contenuto UHD. Netflix è anche il servizio più gettonato tra gli intervistati con il 27% di preferenze.

Interessante poi notare la divisione delle preferenze degli utenti intervistati a seconda dei dispositivi connessi. L’importanza dei contenuti in UHD ad esempio è in netta maggioranza tra i possessori di Smart TV 4K e di lettori UHD e, seppur in termini meno netti, tra quelli di PlayStation 4 e 4 Pro, Xbox 360, PlayStation 3, Xbox One, One S e One X, Chromecast e Apple TV.

Servizi streaming: c’è sempre più voglia di contenuti in 4K

Mentre la disponibilità di contenuti UHD è stata in gran parte guidata dai servizi di video OTT, un piccolo ma crescente numero di operatori di pay TV rende ora disponibili i contenuti UHD ai propri abbonati, principalmente tramite servizi on demand come nel caso di Sky Q (Italia compresa). Questi risultati sottolineano l’importanza dell’UHD per una base sempre più crescente di consumatori affamata di contenuti in 4K e in effetti, tra giochi (PC e console), Netflix, Amazon Prime Video, Rai 4K, Sky Q, Rakuten, Infinity, iTunes e Ultra HD Blu-ray anche in Italia la scusa del “tanto non c’è niente da vedere in 4K” non regge davvero più.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest