Entertainment Featured home Notizie Streaming

Anche Amazon Prime Video punterà sull’audio in Dolby Atmos

Anche Amazon Prime Video punterà sull’audio in Dolby Atmos

Dal 31 agosto la serie TV Tom Clancy’s Jack Ryan approderà su Amazon Prime Video con una traccia audio in Dolby Atmos.

Chi vuole godersi oggi il Dolby Atmos su un servizio streaming deve rivolgersi a Netflix, dove il primo film in Atmos è approdato la scorsa estate (si trattava di Okya), o a Vudu, anche se quest’ultimo non è disponibile in Italia, mentre per il Video on Demand ci pensa iTunes a fornire la codifica object-based su diversi titoli del suo vasto catalogo.

Certo, i limiti intrinseci di queste piattaforme a livello di bit-rate e container (Dolby Digital Plus contro il Dolby True HD del supporto fisico) non assicurano un Dolby Atmos identico a quello ospitato sugli Ultra HD Blu-ray e si parla solo e comunque di tracce audio originali e non italiane, ma se non altro è apprezzabile lo sforzo nel fornire questa codifica audio al di fuori del supporto fisico. Ai nomi appena fatti si aggiungerà dal 31 agosto anche Amazon Prime Video, che proporrà la sua nuova serie TV Tom Clancy’s Jack Ryan con una traccia inglese in Dolby Atmos.

Anche Amazon Prime Video punterà sull’audio in Dolby Atmos

Il supporto al Dolby Atmos dovrebbe essere assicurato su Fire TV e Fire TV Cube, ma nel comunicato non si fa cenno ad altri dispositivi come Xbox One, Nvidia Shield TV, Apple TV 4K e TV LG del 2017 e 2018, tutti device che teoricamente dovrebbero supportare il Dolby Atmos (per Apple TV 4K se ne parlerà comunque in autunno con l’arrivo di tvOS 12). Non resta insomma che attendere il 31 agosto per scoprire qualche dettaglio in più su questa gradita novità di Amazon Prime Video, con la speranza che nel frattempo i titoli in Dolby Atmos sulle piattaforme streaming e On Demand aumentino sempre più e che, prima o poi, anche le tracce italiane possano godere della codifica object-based di Dolby.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    © 2020, MBEditore, riproduzione riservata.


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest