AF Gaming Hardware Home cinema News Notizie

Optoma UHD35 e UHD38 – Videoproiettori a tutto gaming

Anche il brand taiwanese Optoma non manca all’appuntamento con l’universo videoludico grazie ai nuovi proiettori DLP UHD35 e UHD38

Con Optoma UHD35 e UHD 38 siamo di fronte a un’offerta tecnologicamente del tutto simile, dove la differenza sostanziale risiede nella luminosità, con l’UHD35 da 3.600 Lumen, mentre l’UHD38 viaggia a ben 4.000 Lumen. In entrambi i casi l’azienda afferma la possibilità di poter godere di uno spettacolo che non teme l’illuminazione ambientale, ma va da sé che per la migliore performance un locale il più possibile oscurato è come sempre l’ideale. In tal caso si avrebbe l’opportunità di abbassare la richiesta energetica alla lampada (UHP da 240 Watt), aumentandone al contempo la longevità che dalla resa “Normale” da 4.000 ore passerebbe alle 10.000 in “Eco” e contrariamente a quanto si potrebbe pensare ben 15.000 ore in “Dynamic”.

Evitando di chiedere la massima efficienza alla fonte luminosa si abbasserebbe anche il rumore della ventilazione che da 28 dB di picco potrebbe scendere fino a 26 dB. Quanto alla performance video siamo di fronte a tecnologia DLP di Texas Instruments ma in questo caso con ruota colore a 8 segmenti, grazie alla quale dovrebbe abbassarsi l’aspettativa del famigerato effetto arcobaleno e al tempo stesso migliorare la fedeltà cromatica. La dimensione dello schermo è molto ampia spaziando tra i 33” e i 330” pollici dichiarati, ma il il consiglio è restare prossimi ai 150” pollici per non compromettere la resa complessiva. Zoom 1,1x e rapporto di tiro 1.5:1 ~ 1.66:1, keystone da + 40° a -40° verticale e orizzontale.

Optoma

A dimensione di schermo maggiore corrisponde una più elevata distanza, dove oltre i 300” pollici ci si avvicina ai 10 metri, per cui occorre avere bene le idee chiare sulla collocazione dell’unità rispetto alla zona di proiezione. Le due unità gestiscono immagini anche 4K ma non in maniera nativa, dato che la matrice DMD è Full HD con sistema XPR, dove ogni pixel nativo riproduce in realtà quattro diversi pixel per giungere all’UHD, ovvero la “quad vobulation”.

Restando in tale ambito c’è compatibilità sia HLG che HDR-10, dove non è dichiarata la copertura dello spazio colore DCI-P3. Tecnologia “Dynamic Black” per migliorare la performance dei neri, contrasto pari a 1.000.000:1. Anche se non è una novità si aggiunge l’utilità di poter proiettare anche in assenza di telo, sempre consigliato per il massimo risultato, o di muro bianco. In caso di muro colorato è presente l’adattamento alla tonalità della parete in virtù di sei preset: giallo chiaro, lavagna, verde chiaro, grigio, rosa, azzurro, teoricamente annullando la distorsione colorimetrica. Optoma UHD35 e UHD38 dispongono di due porte HDMI 2.0 (HDCP 2.2), gestione sorgenti 24p, modalità “Enhanced Gaming Mode” dove in Full HD si viaggia a 240 Hz e 4,2 ms di tempo di risposta mentre in UHD non si va oltre i 60 Hz e 16,7 ms.

Possibile utilizzare la porta USB-A (1.5A) per alimentare un dongle HDMI come Google Chromecast, speaker integrato da 10 Watt, funzionalità ISF Day / Night per salvare le impostazioni di calibrazione giorno / notte e non manca nemmeno il supporto 3D. Telecomando retroilluminato, altri ingressi disponibili VGA (YPbPr/RGB), audio 3,5 mm, mentre per le uscite un’altra audio 3,5mm o digitale S/PDIF. Optoma UHD35 è venduto a 999 euro mentre l’UHD38 a 1.099 euro. Link a Optoma.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest