Entertainment Streaming Tendenze

Streaming e Video On Demand – L’offerta liquida in Italia

offerta liquida italia

Approfondiamo le differenze tra offerta di contenuti, costi, servizi e qualità delle maggiori piattaforme digitali attualmente disponibili nel nostro Paese.

TIMVision

Offerta liquida Tim VisionA fare la voce grossa in ambito SVOD (Subscription Video On Demand) c’è TIMVision, forte di una potente infrastruttura radicata sul territorio, azienda che non molti mesi fa ha raggiunto un importante accordo di acquisizione dei contenuti di NBC Universal. Il decoder, a comandi vocali e compatibile UHD, testimonia l’attenzione nei confronti degli utenti tecnologicamente più evoluti, con apertura ad altri competitor per fruire anche di servizi Netflix, Sky e Mediaset Premium. Attenzione verso il consumatore finale che prosegue nei confronti di chi possiede un abbonamento telefonico TIM, abilitato a visionare i programmi TIMVision su apparato portatile senza intaccare il plafond dati mensile (se collegato a linea dati TIM), peculiarità di non poca rilevanza. Il nuovo decoder TimVision ha un costo attorno alle 100€, gratis per chi attiva una nuova linea Telecom Italia, fibra o ADSL, pagamento canone mensile di 5€. La home page recita ‘10.000 titoli tra cinema, serie tv e cartoni senza interruzioni pubblicitarie e i programmi degli ultimi 7 giorni di RAI e La7’.

Infinity, Chili e Netflix

Infinity di Mediaset è un altro forte competitor SVOD sul nostro mercato. Supera i 5000 titoli l’ offerta liquida complessiva per una offerta liquida Infinitypiattaforma ampiamente diffusa tra smart tv, game console, decoder, media box, smartphone, tablet e Chromecast. A partire da 9,99€/mese una libreria di titoli interessanti anche se i più recenti hanno una prima fruizione in apposita sezione TVOD pay-per-view a costo aggiuntivo, comunque più basso del listino se in possesso di abbonamento; risoluzione anche UHD spesso in combinata con HDR (al momento il 4K resta esclusiva dei possessori di TV Samsung Tizen). Il materiale a disposizione ha in genere permanenza piuttosto breve e occorre essere consapevoli che non è possibile procrastinare più di tanto ciò che si desidera vedere per la temporaneità dei titoli legata agli accordi di sfruttamento siglati con i relativi distributori. Anche Infinity offre il download su apparato portatile, suggerito per visione in assenza di rete.

Sbarcata recentemente anche in Italia l’americana Netflix ha fatto da subito la voce grossa con una vasta library e tre tipologie di costi legati alla qualità dell’immagine e al numero degli schermi su cui è possibile sfruttare contemporaneamente la piattaforma SVOD. Si parte da 7,99€/mese in SD con 1 solo device, 9,99€/mese anche in HD e 2 schermi e l’abbonamento Premium a 11,99€/mese anche in UHD e 4 schermi.

Anche su Chili TV sono disponibili contenuti UHD ma sempre in esclusiva per TV Samsung Tizen, caso contrario si può attingere all’ampia libreria con titoli di punta in TVOD, come per esempio Star Wars – Rogue One da 11,99€ in acquisto e 3,99€ a noleggio, inclusi (caso raro) anche alcuni contenuti extra.

Amazon Video

Il colosso statunitense dell’e-commerce nato nel 1994 ha lanciato nel 2006 il proprio servizio di video-on-demand. Per usufruirne occorre iscriversi ad Amazon Prime, 19.99€ all’anno, senza dimenticare i privilegi nel caso di eventuali acquisti tra cui la consegna rapida, articoli riservati e offerte in esclusiva. 

Attualmente l’offerta liquida non è ampia ma è facile immaginare un’ulteriore espansione con catalogo di film e telefilm sempre più ricco, variegato e titoli in esclusiva (Amazon Original). È il caso per esempio della serie American God”, legata all’omonimo romanzo di Neil Gaiman, di cui va in onda una nuova puntata ogni lunedì, o di The Grand Tour, nato dai conduttori del celeberrimo Top Gear UK. La qualità tecnica è piuttosto elevata con possibilità di visione SD, HD e UHD. Come con altre piattaforme, il controllo preventivo della presenza di catena digitale e sistema HDCP consente di accedere ai contenuti Full HD e Ultra HD, in caso contrario il programma viene forzato in SD a prescindere dal livello di definizione selezionato. Appunto per l’audio: spesso disponibile in molteplici lingue, senza possibilità di scegliere alcun tipo di formato che non sia quello proposto stereofonico; sottotitoli presenti per qualsiasi lingua diversa dalla selezionata per l’ascolto. Consentito anche il download per visione offline in locale.

Mubi

Se la necessità fosse in ambito cinefilo, più da cinema d’autore, c’è l’interessante Mubi.com, piattaforma con titoli che stazionano maggiormente nella library, vasto catalogo anche di produzioni estere dove alla peggio sono disponibili i sottotitoli in inglese.
30 film mensili con aggiornamento quotidiano, canone a 4,99€/mese. In italiano si trovano diverse produzioni storiche, molte di maestri del neorealismo. Se cercate titoli di cassetta o blockbuster hollywoodiani lasciate perdere. Come nel caso di Mymovies anche qui è possibile incontrare altri appassionati partecipando attivamente alla community condividendo pareri.

Google Play, Wuaki e iTunes

L’offerta liquida è vasta e comprende una miriade tra film e serie tv in TVOD, c’è davvero l’imbarazzo della scelta ma il dilemma verte principalmente sui prezzi. Ricordando che non sempre il noleggio è opzione concessa, un titolo di punta come per esempio “Oceania” della Disney può essere solo acquistato a 11,99€ in SD e 13,99€ in HD. Per la versione Full HD va anche ricordato che per Google Play vige una restrizione di ‘compatibilità’ e visione possibile su “…laptop, Chromecast, Roku, iOS e sulla maggior parte dei dispositivi Android”, caso contrario anche se si è acquistato il formato HD la risoluzione viene forzata in SD. Star Wars – Rogue One c’è anche a noleggio a 3,99€ SD e 4,99€ HD, stessi prezzi per acquistare Oceania. Si possono trovare anche offerte a pacchetti comprendenti più titoli legati al medesimo franchise come per esempio la trilogia di Dan Brown sul Prof. Robert Langdon: Il Codice Da Vinci, Angeli e demoni e Inferno su iTunes a partire da 18,99€.

Un esempio delle offerte per The Last Witch Hunter con Vin Diesel:

Piattaforma Wuaki

Piattaforma Google Play

Piattaforma iTunes

Attenzione che il Full HD non è esattamente 1920 x 1080 pixel ma si tende a diminuire la risoluzione per contenere il file da gestire scendendo per esempio a 1920 x 798 pixel, audio AAC oppure AC-3 5.1 canali per un totale di circa 3,6 Gigabyte/film. Possono essere disponibili anche supplementi a suffragio della produzione, proprio come nel fisico, con sottotitoli, ma l’offerta in questo senso è limitata a pochi titoli (ad esempio Animali fantastici e dove trovarli e Lego Batman di Warner).

PopCornTV e VVVVID

Attenzione a questi due importanti siti, offrono opere gratuite con inserti pubblicitari e non sono assolutamente da sottovalutare. Una piccola library ma con produzioni interessanti è PopCornTV, con alcune anche di difficile reperibilità, comunque a risoluzione video SD. Produzioni anche indipendenti, autoriali o considerate (a torto o ragione) meno interessanti nel panorama cinematografico internazionale. Qualche esempio? Il surreale “The Congress” con Robin Wright di Ari Folman (disponibile fino al 31/7/2018) oppure il notevole “7 Km da Gerusalemme” di Claudio Malaponti. 

Ampia e molto interessante l’offerta di VVVVID.it dove si incrociano produzioni di considerevole caratura come quelle di Alejandro Jodorowsky, Takashi Miike e ancora Lynch, Welles, Kieslowski ma anche cult come “Distretto 13 le brigate della morte” di Carpenter, “Running Man” di Paul Michael Glaser, serie TV e soprattutto una succulenta sezione dedicata all’anime.

Sony PlayStation e Microsoft Xbox

I due giganti dell’universo videoludico possiedono un ampio comparto di film e serie tv ma anche in questo caso il TVOD ha prezzi piuttosto elevati e per giunta le library non sempre sono complete (per “Friends” al momento della verifica abbiamo trovato le stagioni da 1 a 4 e la 10), prezzi che lievitano ulteriormente quando si tratta di materiale ancora di la da venire su supporto fisico, come nel caso della serie tv Westworld.

Qualche esempio dai marketplace:  PS4             Xbox One

  • Rogue One HD…………13.99 acquisto       13.99 acquisto
  • Rogue One HD…………..4.99 noleggio        4.99 noleggio
  • Rogue One SD………….11.99 acquisto       11.99 acquisto
  • Rogue One SD……………3.99 noleggio        3.99 noleggio

“Star Wars – Rogue One” ha prezzo di vendita attorno ai 19€ per il Blu-ray 2D e 9€ per il DVD (fonte: Amazon.it)

  • Anim. Fantastici HD…16.99 acquisto        16.99 acquisto
  • Anim. Fantastici HD…..4.99 noleggio         4.99 noleggio
  • Anim. Fantastici SD….14.99 acquisto        13.99 acquisto
  • Anim. Fantastici SD……3.99 noleggio         3.99 noleggio

“Animali Fantastici e dove trovarli” il prezzo vendita oscilla tra i 13€ e 17€ il Blu-ray 2D e tra i 9€ e 13€ il DVD (fonte: Amazon.it)

  • Westworld stag.1 HD…21.99 acquisto       22.99 acquisto
  • Westworld stag.1 SD….15.99 acquisto       16.99 acquisto

“Westworld” è attualmente ancora inedito su supporto fisico in Italia. La prima stagione conta 10 episodi (57 min / 91 min cad.)

Conclusioni

Anche in Italia l’ offerta liquida per film e telefilm non manca, così come l’impegno dei più importanti competitor a garantire qualità almeno per l’immagine, ma la diffusione è ancora endemicamente limitata. L’incontenibile piaga della pirateria così come la carenza di infrastrutture che mantiene elevato il digital divide (ancora troppo difficile se non impossibile disporre di una linea superiore a una manciata di Megabit/sec fuori dai capoluoghi di provincia se non sborsando elevate quote mensili) come detto all’inizio rimangono pesanti ostacoli da abbattere.

Morale e cultura in ambito settima arte sono il sottile filo di lana che (anche) in Italia separa legale da illegale (secondo un’inchiesta di Repubblica del 2014 la pirateria ha contribuito a salvare l’industria del cinema) cui si aggiungano prezzi (per il TVOD) e una resa tecnica complessiva che troppo spesso non contribuiscono a catturare l’attenzione dell’utente medio.

 

Leggi anche:

Streaming e Video On Demand – Cinema e TV diventano liquidi

Pin It on Pinterest

Iscriviti alla newsletter di AF Digitale!

Ricevi le ultime notizie e gli aggiornamenti dalla redazione, fatti guidare nel mare magnum della tecnologia.

Iscrizione avvenuta con successo!