Entertainment Featured home Guida 4K/BD/DVD

The Great Wall [UHD]

“The Great Wall” è il più costoso kolossal nella storia del cinema cinese, ora in edizione Ultra High Definition da Digital Intermediate 4K!

In The Great Wall seguiamo un gruppo di mercenari europei che in pieno medioevo viaggiano verso il territorio cinese in cerca del segreto della polvere da sparo. Nel corso di un bivacco notturno sono attaccati da una creatura sanguinaria che ne fa scempio: sopravvivono unicamente Pedro Tovar (Pedro Pascal) e William Garin (Matt Damon) che con un fendente di spada ha la meglio sulla bestia.

Inseguiti da nomadi guerrieri, raggiungono la grande muraglia finendo catturati dall’imponente guarnigione militare, ma l’arto amputato dell’orrendo animale che i due portavano con se suscita grande interesse da parte degli ufficiali, increduli al racconto di come William abbia prevalso sul mostro, che i cinesi chiamano “Taotie”. Nel corso di un imponente assalto da parte di un’orda di Taotie, Pedro e William vengono liberati ma invece di fuggire dimostrano abilità nel combattimento e sprezzo del pericolo.

The Great Wall

La Grande Muraglia di fatto rappresenta l’unico baluardo a difesa di un vasto territorio, distante solo due giorni di viaggio dal palazzo dell’imperatore. I due mercenari realizzano ben presto che gli alchimisti asiatici possiedono il segreto della polvere da sparo ma, mentre William è sempre più deciso a dar manforte per sconfiggere l’orda abbattendo la regina dei Taotie, Pedro unisce le forze con l’occidentale Sir Ballard (Willem Dafoe) per fuggire col prezioso carico di esplosivo. Nessuno è però in grado di immaginare che i ripetuti assalti dei Taotie alla muraglia sono un abile stratagemma per aggirare l’imponente ostacolo e avere a disposizione un vasto territorio di caccia all’uomo proliferando inarrestabili su tutto il pianeta.

The Great Wall

Da un maestro come Zhang Yimou, autore di significative opere cinematografiche che nel corso del tempo ho avuto modo di vedere tra cui “Lanterne rosse”, “La foresta dei pugnali volanti”, “Hero” piuttosto che “La città proibita” o “I fiori della guerra”, francamente non sapevo cosa aspettarmi nonostante una line-up di autori di primissimo piano chiamati a raccolta tra soggetto e sceneggiatura a fantasticare sui ‘reali’ motivi dell’esistenza della grande muraglia cinese. L’idea per la storia la dobbiamo a un terzetto niente male: Edward Zwick, regista/sceneggiatore/produttore di opere clamorose come “Glory uomini di gloria”, “Il coraggio della verità”, “Blood Diamond”, in collaborazione con l’amico di lungo corso Marshall Herskovitz e certo non ultimo Max Brooks, figlio di Mel Brooks, cui si deve la novel che ha ispirato “World War Z”. Altrettanti creativi alla sceneggiatura: Tony Gilroy (saga “Bourne” e produttore di “Nightcrawler – Lo sciacallo”), Doug Miro e Carlo Bernard autori della magnifica serie tv “Narcos”.

The Great Wall

A questo si aggiunga una grande star amata a livello mondiale come Matt Damon e una produzione seconda a nessuno, per giunta la più imponente per il mercato cinese con un budget attorno ai 130 milioni di dollari, molti dei quali provenienti dalle tasche del multimiliardario Wang Jianlin, a oggi l’uomo più ricco di tutta l’Asia, sua anche la catena di multiplex UCI Cinemas.

Sontuoso cinema epico, ricco d’azione e con qualche momento d’ironia eppure non si riesce a entrare nella giusta empatia con i personaggi, cinema virtuoso e rutilante nella messa in scena ma con poca anima, un attore di spicco come Willem Dafoe relegato a ruolo di infido opportunista ma troppo in secondo piano mentre il compagno di ventura di Matt Damon è l’attore americano di origini cilene Pedro Pascal, il formidabile agente della DEA Javier Peña nella serie tv Narcos, qui forse meno a proprio agio e in grado di dare sfoggio delle abilità recitative con cui ha saputo abilmente connotare la figura del cacciatore di trafficanti di droga. Se però quello che cercate è un film di puro intrattenimento con zero impegno cerebrale difficilmente rimarrete delusi.

The Great Wall

VIDEO

Anche se la bizzarra storia di The Great Wall difficilmente a posteriori richiamerà nuovamente  a se l’attenzione dell’appassionato di genere per riviverla nuovamente è quanto meno certo che dal punto di vista tecnico delle immagini siamo di fronte a un prodotto di eccellente caratura. Di fatto questo The Great Wall è stato realizzato con hardware professionale tra il migliore su piazza: Arri Alexa (65, Mini e XT) e Red (Epic Dragon, Weapon Dragon) con risoluzioni 3.4K e 6.5K per un Digital Intermediate 4K a beneficio della produzione dell’edizione UHD. Formato immagine 2.40:1, codifica HEVC (3840 x 2160/23.97p).

The Great Wall

Forte dell’HDR-10 wide color gamut la visione di The Great Wall palesa da subito eccellente qualità d’insieme, dettagli anche in secondo piano, senso di tridimensionalità per un’opera che evidentemente è stata concepita anche e soprattutto per essere fruita in stereoscopia, e in questo senso l’appeal del racconto ha solo da guadagnarci. Neri profondi e convincenti, saltuariamente è notabile una minima grana di fondo per nulla invasiva, raro rumore video sui rossi in presenza di schermi UHD 8 bit. Le immagini all’interno della torre nel corso della battaglia finale oppure quelle dei coloratissimi titoli di coda sono esemplificative di color gamut, ricchezza cromatica così come densità elementi e livello di dettaglio sul comparto scenografico, spesso a tangibile distanza dalla controparte FHD per un risultato prossimo al livello reference.

AUDIO

Unico modo per smorzare i toni epici e sminuire l’avventura di The Great Wall è accompagnare le immagini con una colonna sonora mortificata da un encoding non all’altezza col solito Dolby Digital 5.1 canali per l’italiano. Un risultato inevitabilmente modesto per apertura d’insieme, sonicità degli elementi discreti così come la relativa presenza dei due canali posteriori.

The Great Wall

A livello reference la traccia Dolby ATMOS in inglese, assieme alla lingua tedesca, per uno spettacolo fragoroso, stimolante già in modalità Dolby TrueHD 7.1 canali sostenendo ed esaltando l’azione, in particolare nella seconda parte così come nel confronto finale tra le mura del palazzo dell’imperatore. Maggiore disappunto per il disco Full HD dove oltre a inglese e tedesco troviamo anche il francese Dolby ATMOS, mentre l’italiano è come sempre fermo al palo con l’AC-3 5.1 canali e il medesimo risultato tecnico.

EXTRA

Tutti concentrati sul disco FHD, diversi capitoli ma purtroppo tutti troppo brevi: circa 7′ minuti di scene eliminate o estese, 2′ minuti in compagnia di Matt Damon sul set, 3′ minuti con riflessioni da parte di cast e troupe sul regista, l’impegno nella realizzazione degli effetti speciali (3′), circa 9′ di focus sulle tre battaglie all’interno del film, 3′ minuti sulle armi e altri 3′ minuti sulla creazione delle scenografie. Ovunque sottotitoli in italiano.

The Great Wall

In definitiva un prodotto interessante più per il mero aspetto tecnico/visivo della versione UHD capace di fare la differenza rispetto alla controparte FHD, meno consigliabile se non interessati a immagini derivanti da master 4K e non amate il fantasy mescolato a elementi storici della Cina dell’XI° secolo.

TESTATO CON: Tv Hisense 4K H49M3000, Sony KD55XE9305, UHD player Samsung UBD-K8500, UHD player Oppo UPD-203 

Ultra HD Blu-ray disponibile su dvd-store.it

The Great Wall [UHD]
8 Recensione
Pro
HDR-10
Digital Intermediate 4K
Dolby ATMOS inglese
Contro
Avventura con poca anima
Dolby Digital italiano inadeguato
Extra interessanti ma brevi
Riepilogo
Titolo originale: The Great Wall
Prodotto e distribuito da: Universal
Durata: 103'
Anno di produzione: 2016
Genere: Fantasy
Regia: Yimou Zhang
Interpreti: Matt Damon, Jing Tian, Pedro Pascal, Willem Dafoe, Andy Lau, Eddie Peng, Numan Acar, Peng Yong, Hanyu Zhang, Karry Wang
------------
Supporto: UHD 66 + BD 50
Aspect Ratio: 2.40:1
Codifica Video: HEVC 2160p; HDR-10
Audio UHD: Inglese, tedesco Dolby ATMOS
Italiano, castellano, turco Dolby Digital 5.1
Sottotitoli UHD: italiano, inglese non udenti, castellano, tedesco, turco
Qualità artistica
Video
Audio italiano
Audio originale
Extra
Il giudizio di AF
  • Giuseppe Alba

    Una delle tante porcate…. Ma in questi genere di film l’audio è quello che rende l’esperienza cinematografica appagante… Posso capire in una commedia ma non in questi film… Scaffale

  • Alessandro Mori

    Motivo che mi ha fatto desistere dal acquisto…

  • federico brighi

    Per me può restare sullo scaffale. Un film simile va visto in 4K o in 3D, con audio atmos come originariamente è uscito, anche in italiano. Col DD si perde più del 50% di qualità. Possono tenerselo alla grande.

Social

Pin It on Pinterest