UNIVERSALGRANDE CINEMA 4K
Featured home HI-FI Prove What Hi Fi

ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza

ProAc Response DT8

Potranno essere destabilizzanti a livello estetico, ma è impossibile negare l’eccellenza son ora dei diffusori da pavimento ProAc Response DT8.

È la prima volta che recensiamo diffusori del produttore britannico ProAc, che in Italia sono distribuiti da Audioreference. Avendo trascorso un po’ di tempo con i ProAc Response DT8, avremmo voluto testare prima altri prodotti di questo prestigioso brand. Non sono diffusori da pavimento perfetti, ma sono in grado di restituire una performance musicalmente coesa come si addice a speaker in questa fascia di prezzo (3325 euro il prezzo di listino italiano e 4005 euro per le finiture in ebano e in palissandro).

Costruzione e compatibilità

L’uso di due tipi di driver mid/bass da 16,5 cm funzionanti in tandem può essere intelligente da un punto di vista ingegneristico, ma visivamente può non piacere. Sembra strano e lo stesso vale per il logo ProAc stampato direttamente sul mid-woofer (scelta a nostro parere discutibile sul versante estetico), sul tweeter e sulla base dei diffusori. Il tutto risulta insomma leggermente ridondante, ma per il resto non abbiamo alcuna lamentela da fare in merito alla costruzione di questi diffusori, come d’altronde ci saremmo aspettati da ProAc. Il cabinet da 98 cm di altezza è decisamente solido e dotato di bordi nitidi e di un’impiallacciatura di legno ben applicata.

ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza

Le pareti del cabinet utilizzano diversi spessori di MDF per diffondere al meglio le risonanze. Sono inoltre rinforzate e smorzate per dare ai driver una base solida e silenziosa su cui lavorare. A tutto vantaggio di un’ideale combinazione con l’ambiente domestico, ci sono cinque opzioni di finitura standard (frassino nero, acero, mogano, rovere e ciliegio), mentre come già detto quelle di stampo premium in ebano e in palissandro fanno lievitare il prezzo di quasi 700 euro.

Perché utilizzare due tipi di driver mid/bass? In termini ingegneristici in un driver di questo tipo c’è sempre un compromesso a cui scendere tra l’ottimizzazione della gamma media e quella dei bassi e di solito i progettisti finiscono con l’adottare una soluzione che meglio si adatti al prodotto. Utilizzando driver diversi che lavorano in tandem, gli ingegneri di ProAc hanno cercato di ottenere il meglio di entrambi i mondi. Un cono in polipropilene nella parte superiore si occupa dei medi, mentre un rigido diaframma di pasta di mica nella parte inferiore restituisce bassi potenti ma articolati. Il trucco è far lavorare i due senza problemi, il che non è una sfida facile.

ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza

Con un’impedenza nominale di 4 Ohm e una sensibilità di 90 dB non ci dovrebbero essere problemi a raggiungere alti livelli di volume con la maggior parte degli amplificatori che si dovrebbero prendere in considerazione per diffusori di questo livello. Come da tradizione ProAc anche qui troviamo il basso caricato attraverso gli sfiati laterali, configurazione che rende i diffusori meno esigenti riguardo al posizionamento nella stanza rispetto alle tradizionali alternative con porta posteriore.

Nella nostra sala prove abbiamo posizionato i Response DT8 a circa un metro di distanza dalle pareti frontali e piuttosto lontano dai muri laterali. Inoltre, li abbiamo angolati leggermente verso la posizione di ascolto per mettere meglio a fuoco l’immagine stereo.

Qualità audio

Iniziamo con la Quinta Sinfonia di Beethoven ei ProAc rispondono con un sound ampio e pieno di forza e “furia”. Restituiscono le pronunciate oscillazioni dinamiche della musica con entusiasmo e con il giusto impatto, ma hanno anche l’abilità di non tralasciare le più piccole sottigliezze. Da un punto di vista timbrico sono diffusori un po’ chiari, ma hanno abbastanza raffinatezza per evitare che questo diventi un problema. Consigliamo comunque di non abbinare elettroniche eccessivamente brillanti o aggressive.

ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza

I livelli di dettaglio sono elevati, con i DT8 in grado di delineare in modo diligente diversi strati di informazioni e di organizzarli in modo coerente. Rendono superbamente la struttura strumentale del capolavoro sinfonico di Beethoven e riescono a restituire anche i cambiamenti di intensità più leggeri e meno marcati. Anche l’immagine stereo è notevole. Questi diffusori dipingono elegantemente la musica su una vasta tela sonora e individuano gli strumenti con precisione e stabilità. L’orchestra è strutturata in modo convincente, con un suono che si estende ben oltre lo spazio tra i diffusori.

Passiamo all’album My Head is an Animal dei Of Monsters And Men e i ProAc Response DT8 continuano a brillare. Sono infatti eccellenti nel trasmettere lo slancio su brani carichi come Mountain Sound, mantenendo intatta tutta l’energia della musica. C’è molto attacco da restituire all’ascoltatore e quell’alto livello di intuizione musicale che abbiamo apprezzato nella sinfonia di Beethoven è altrettanto evidente qui. I DT8 tengono inoltre traccia della moltitudine di texture strumentali dei brani con estrema e apparente semplicità.

ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza

Se inizialmente la presenza di due diversi tipi di driver mid/bass ci ha fatto dubitare, in realtà siamo rimasti impressionati dalle prestazioni in gamma media espressive e trasparenti di questi diffusori. Le voci arrivano con chiarezza e sono ben separate dal complesso contesto strumentale. Passiamo poi ad Angel dei Massive Attack (uno dei nostri brani preferiti quando si tratta di testare la gamma bassa) e i ProAc ci continuano a piacere. Trasportano questa mitica e insistente linea di basso con molta verve e agilità, ma anche con parecchia potenza e con il giusto peso. Saranno pure diffusori relativamente compatti, ma non si può negare la loro capacità di restituire linee di basso con grande convinzione.

Verdetto

Questi diffusori ci sono davvero piaciuti. A parte la particolare presentazione estetica, riescono infatti a fornire un sound così esaltante che non possiamo non raccomandarli. Se poi li abbinerete con elettroniche non troppo chiare e brillanti, aspettatevi faville.

  • Verdetto
5

Riassunto

Potranno essere destabilizzanti a livello estetico, ma è impossibile negare l’eccellenza sonora dei diffusori da pavimento ProAc Response DT8.

Pro
Sound agile e articolato
Dinamiche espressive
Gamma media precisa e naturale
Bassi potenti e definiti
Costruzione e finiture

Contro
Nulla di particolare da segnalare

Scheda tecnica
Impedenza nominale: 4 ohm
Amplificatori raccomandati: da 20 a 180 watt
Risposta in frequenza: 38 Hz-30 kHz
Sensibilità: 90 db lineare per 1 watt a 1 metro
Dimensioni: 978mm, 193mm, 229mm
Peso: 26 Kg ciascuno
Prezzo: da 3325 euro
Sito del produttore: www.proac-loudspeakers.com
Distributore italiano: www.audioreference.it

© 2020, AF Digitale. Tutti i prodotti sono stati provati nelle apposite sale di ascolto e di visione di ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza e ProAc Response DT8: quando i midwoofer fanno la differenza dal team editoriale con sede nel Regno Unito.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest