Notizie TV

Hisense TV – Ci saranno anche miniLED e OLED

Hisense lancerà sul mercato 2021 due nuovi schermi a pixel auto illuminanti, ma arriverà anche un enorme TV miniLED

Era il 2019 quando Hisense lanciava sul mercato il suo primo televisore OLED, che però non aveva avuto particolare riscontro commerciale. Come questa avventura commerciale ha ben dimostrato non è stato sufficiente avere per le mani uno simile pannello, ovviamente di produzione LG, per ottenere un risultato tecnico al di sopra di ogni sospetto.

L’integrazione di una serie di funzioni volte a sfruttarlo a fondo si rivelò solo in parte efficace, dimostrando la limitata esperienza nel tempo del brand in tale ambito.

hisense

Colpirono in particolare alcuni problemi legati al movimento, una resa da nero poi non così infinito e impostazioni di fabbrica relativamente approssimative. Segno tangibile di quanto altri player a mercato come la stessa LG, così come per esempio Sony e Panasonic, avessero lavorato nei propri laboratori per perfezionare la resa degli schermi con specifica elettronica. Solo così si è evidentemente potuto progettare schermi di assoluto riferimento, avendo solo in parte gioco facile in virtù di questa rinomata quanto delicata tecnologia. A complicare ulteriormente le cose l’inaspettato posizionamento di prezzo, che rispetto al resto del listino Hisense vedeva lo 08B attorno ai 1100 euro, e almeno in parte non così lontano dalla concorrenza.


Un esordio poco entusiasmante che però non ha fatto desistere il produttore dal percorrere una strada comunque in salita, affrontando problematiche affiorate da questa prima produzione così come dai feedback del mercato. La bella notizia è che ora Hisense ha in serbo per il 2021 altri due televisori OLED che dovrebbero debuttare in tarda primavera, con tagli da 65” e 55” pollici e prime informazioni che trapelano dalla rete che citano l’integrazione col canale Disney+ e la certificazione 4K per i canali della piattaforma radiotelevisiva satellitare gratuita Tivùsat. A guidare come sempre navigazione e gestione del dispositivo il sistema operativo VIDAA nella versione 5.0. Per ora i prezzi non sono ancora stati annunciati, ma la speranza resta quella di una maggiore aggressività. Del resto gli schermi OLED non sono mai costati poco, a meno di non volgere lo sguardo a precedenti generazioni, per cui non dovrebbe essere così difficile trovare la giusta collocazione a mercato.

hisense

Ai due schermi OLED si aggiungerà sempre quest’anno anche un primo schermo basato su tecnologia MiniLED, la cui sigla rispetto a quanto annunciato all’ultimo CES dovrebbe essere 75U9GQ. L’imponente 75” pollici sfrutterà un sistema di retroilluminazione con più di 20.000 LED, organizzati in 1280 zone con local dimming indipendente, che promette una migliore uniformità e neri profondi. Il display avrà frequenza di aggiornamento di 120 Hz e supporterà molti formati ad alta gamma dinamica come Dolby Vision IQ, IMAX Enhancer e Filmmaker Mode.

In dotazione terminali HDMI 2.1, sezione audio con supporto Dolby ATMOS, includerà tre altoparlanti anteriori, due altoparlanti a irradiazione posteriore e un subwoofer integrato. Viene dichiarato il supporto Dolby Atmos e anche qui gestione via sistema operativo VIDAA 5.1. A immagini di tale portata (e consumo energetico) corrisponderà un prezzo adeguato, che ci aspettiamo attorno ai 5.000 euro, con disponibilità indicativa per il prossimo autunno. Link ad Hisense.

© 2021, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest