Accessori Featured home Hi-Fi Notizie

Iris DDC di Denafrips – Converti il digitale in digitale

Dubbi sulla qualità del segnale audio digitale? Prima di passare il flusso dati al DAC si può utilizzare l’Iris DDC di Denafrips

Dall’asiatica Denafrips il Digital To Digital Converter Iris. L’idea alla base di qualsiasi DDC, convertitore digitale / digitale, è quello di assolvere al compito di ripulire tale segnale. Un’operazione solo all’apparenza molto semplice e volta a massimizzare il flusso dati ‘smacchiandolo’ dalle impurità.

Nel caso specifico l’Iris DDC impiega l’elaborazione proprietaria DSP FPGA (Field Programmable Gate Array con architettura che comprende blocchi dedicati alle funzioni di Digital Signal Processing), buffer FIFO, reclocking e una soluzione di interfaccia audio USB tramite unità microcontrollore basata su AMR avanzato STM32F466 per pulire il segnale, riducendo jitter e rumore. La risultante passa in cascata al DAC che riceve un migliorato segnale sorgente, privo di spurie e artefatti che avrebbero complicato la conversione in analogico.

Iris DDC

Progettazione per cui sono stati necessari tre anni, l’Iris DDC si presenta con una discreta foggia di contenute dimensioni (220 x 250 x 44 mm – L x P x A) e 3,5 Kg di peso, il frontalino presenta molteplici LED che indicano la frequenza di campionamento del file in ingresso ma attenzione che non è presente un pulsante di accensione / standby. Tale assenza è motivata dal FEMTO Crystal Oscillator che si occupa della bufferizzazione FIFO e del reclock: tale TCXO (abbreviazione di Temperature Compensated Crystal Oscillator) è un particolare tipo di oscillatore al quarzo che per la migliore resa operativa deve sempre essere alla giusta temperatura.

Un totale di otto set di regolatori di potenza lineare di precisione a bassissimo rumore insieme al trasformatore sovradimensionato O-Core forniscono potenza pulita ai circuiti digitali. Posteriormente è presente un ingresso USB otticamente isolato da optoisolatori ad alta velocità da 50 Mbps. Gli optoisolatori (o fotoaccoppiatori) sono componenti elettronici che consentono di trasferire un segnale fra due circuiti mantenendo l’isolamento galvanico fra essi: in tal modo si ottiene un isolamento ottico che produce un inferiore rumore di fondo e un più elevato rapporto segnale-rumore. Il flusso dati ripulito viene reso disponibile tramite S/PDIF, ottico o AES/EBU; presenti anche output I2S HDMI (LVDS Standard) e I2S RJ45 (LVCMOS Standard).

Iris DDC

Benché poco conosciuto l’I2S è un altro modo di trasmettere dati digitali all’interno di un componente sviluppato da Philips e reso disponibile a metà anni ottanta. Analisi dello studio e sviluppo dell’Iris DDC di Denafrips si rivela una vera e propria palestra per ingegneri. Fortunatamente non occorre esserlo se si desidera mettere alla prova un simile convertitore Digital To Digital USB dall’elevato potenziale per intervenire su quanto provenga da un computer, non importa se iOS o Windows.

L’Iris è in grado di interfacciarsi con la maggior parte dei marchi e modelli di DAC a mercato. Per il DSD: DSD64-DoP su tutte le uscite e fino a DSD512 su ingresso USB e l’uscita I2S. Per il PCM compatibilità 24bit / 44.1, 48, 88.2, 96, 176.4, 192KHz su tutte le uscite e fino a 768kHz su ingresso USB e uscita I2S; Clock input esterno a 45.1548MHz oppure 49.152Mhz. Prezzo attuale 435€, acquisto presso il sito Denafrips.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest