Home cinema Notizie

Ricevitore AV Denon AVR-X1700H: tutto l’AV che serve a poco più di 700 euro

Il Denon AVR-X1700H arriverà in Italia a fine novembre a 729 euro e si candida a essere uno dei ricevitori AV più interessanti dell’anno grazie al rapporto qualità-prezzo

Arriverà in Italia a fine novembre a 729 euro (la versione con anche sintonizzatore DAB+) e si candida a essere uno dei ricevitori AV più interessanti dell’anno grazie proprio al rapporto qualità-prezzo. Stiamo parlando del Denon AVR-X1700H, modello destinato a soppiantare l’X1600H di due anni fa e leggermente meno completo (ma anche meno costoso) dell’X2700H del 2020, che offre in più solo un’uscita HDMI aggiuntiva e una potenza leggermente più elevata (95 W per canale su 8 ohm con due canali pilotati).

Parliamo insomma di un modello quasi entry-level che però ha molto da offrire. Parliamo infatti di un ricevitore AV con sette canali di amplificazione a 80 W per canale (8 ohm, 2 canali pilotati), tre ingressi HDMI 2.1 sui sei totali per gestire segnali video in [email protected] e [email protected] (banda passante fino a 40Gbps) e supporto per una serie di formati surround tra cui Dolby Atmos, Dolby Atmos Height Virtualization, DTS:X e DTS Virtual:X.

Tutti gli ingressi HDMI vantano un sottocampionamento della crominanza 4:4:4 e compatibilità con una varietà di formati HDR tra cui HDR10, HDR10+, Dolby Vision e Hybrid Log-Gamma (praticamente tutto quello che serve oggi). Un’interessante nuova funzionalità che mostra le informazioni sul segnale HDMI consente agli utenti di confermare facilmente la risoluzione del segnale che stanno visualizzando e quali formati HDR stanno passando attraverso il ricevitore.

HDMI 2.1 significa anche feature avanzate per il gaming e infatti il Denon AVR-X1700H supporta Variable Refresh Rate (VRR), Quick Frame Transport (QFT) e Auto Low Latency Mode (ALLM) per un’esperienza di gioco più fluida. Non manca l’upscaling 8K su tutti gli ingressi nel caso aveste un TV con questa risoluzione ed è presente all’appello anche la funzione eARC (Enhanced Audio Return Channel) per fornire audio non compresso tramite un singolo cavo HDMI.

L’AVR-X1700H può essere configurato per pilotare un sistema Dolby Atmos o DTS:X a 5.1.2 canali, ma se non avete diffusori Atmos dedicati potete sempre sfruttare le tecnologie DTS Virtual:X e Dolby Atmos Height Virtualization, che puntano a ricreare l’audio 3D per setup a 7.1, 5.1 o 2.1 canali. Per gli amanti della musica l’AVR-X1700H, oltre a essere compatibile con Bluetooth e AirPlay 2, supporta formati ad alta risoluzione, inclusi file FLAC, ALAC e WAV, nonché DSD 2,8/5,6 MHz.

Oltre allo streaming, la piattaforma HEOS integrata di Denon, che ormai conosciamo a menadito, consente di riprodurre musica in streaming in modalità wireless su prodotti compatibili da qualsiasi punto della casa, mentre chi è interessato anche ai supporti fisici apprezzerà l’inclusione di un ingresso phono per il collegamento a un giradischi.

Il controllo vocale dell’AVR-X1700H è possibile utilizzando servizi compatibili tra cui Amazon Alexa, Google Assistant, Apple Siri e Josh.ai, mentre la configurazione iniziale può essere eseguita utilizzando il software di calibrazione Audyssey MultEQ XT, che rileva le dimensioni, il tipo e la configurazione dei diffusori e misura la loro risposta nella stanza per ottimizzare le prestazioni. Gli ascoltatori possono comunque personalizzare ulteriormente le impostazioni utilizzando l’app mobile Audyssey MultEQ Editor (disponibile a circa 20 euro su iOS e Android), mentre la funzione Dual Speaker Presets consente agli utenti di memorizzare e passare tra due diverse configurazioni di impostazioni Audyssey.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest