Hi-Fi Notizie

IFI iSilencer+ , un accessorio per gli amanti della musica liquida

iFi iSilencer +

Un altro passo verso la purezza del suono in questo caso con IFI iSilencer + di IFI, specializzata nel digitale.
Per coloro che utilizzano files musicali invece dei supporti fisici, è importante che le informazioni digitali, preziosamente acquistate sui vari siti di download, vengano date in pasto al proprio pc o Dac che dir si voglia, nel miglior modo possibile.

Un pratico e poco costoso accessorio ci aiuta ad evitare ogni possibile interferenza nel tragitto del segnale tra il luogo fisico di storage dei files e la loro trasmissione al Dac o all’apparecchio che li elaborerà e li trasformerà in musica per le nostre orecchie. Si tratta di IFI iSilencer + New type che è stato da poco introdotto sul mercato quale miglioramento del precedente iSilencer, già da tempo in commercio.

Il nuovo iSilencer + contiene un’ innovativa tecnologia di Noise Cancellation che riduce inoltre il jitter e gli errori dei pacchetti informatici, ribilancia il segnale USB ed é compatibile con la versione 3.0 USB per un trasferimento ottimale dei dati ad alta velocità.
Viene dichiarato capace di ridurre di 100 volte, ovvero 40 db, il rumore generato da radiofrequenze spurie che possono inquinare il segnale digitale.

Disponibile in tre versioni con diversi attacchi usb, da A ad A, da C ad A e da C a C, può quindi essere utilizzato sia negli impianti casalinghi che in mobilità, collegato a smartphone, tablet o pc portatile.
L’accessorio si presenta bene nella sua colorazione nera con attacco USB dorato ed una spia rossa che segnala l’avvenuta alimentazione dello stesso tramite la porta Usb.

Io l’ho collegato tra il pc portatile e il mio DAC Denon 3000 USB che a sua volta è collegato al pre McIntosh C50 ed al finale Michi S5 che pilota due B&W 803 D2 e due sub Triangle Thesis 280.

Inizio gli ascolti con diversi files DSD che ho scaricato gratuitamente dal sito della 2L, etichetta norvegese per incisioni di notevole qualità tecnica (ve ne parlavo recensendo Polarity).

Non so se sia una sensazione o realtà oggettiva ma il suono appare subito più pulito e focalizzato, meno sgranato e maggiormente definito, con bassi più asciutti e netti.
Passo alla musica sinfonica con un bellissimo brano intitolato Magnificat per coro, organo e orchestra di un autore norvegese nato nel 1980, Andrè Arnesen, inciso splendidamente in DSD.
Ottime impressioni di ascolto, con trasparenza e pulizia generale ai massimi livelli ed un organo spettacolare i cui bassi scendono quasi agli infrasuoni.

Acquistato su Amazon per 55 euro penso che valga la pena provare se si tratti di illusione o di vero miglioramento acustico, fatto sta che ho deciso di tenerlo sempre inserito tra il Pc ed il Dac in quanto male sicuramente non fa. Bisogna poi aggiungere che probabilmente in situazioni di maggior inquinamento da radiofrequenze il suo contributo potrebbe essere persino più decisivo per garantire un miglioramento sonoro, ma in questo caso occorrerebbero delle prove tecniche e strumentali più approfondite.

Intanto godiamoci la musica.

© 2020, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest