Hi-Fi Notizie

Da oggi l’impianto Hi-Fi me lo costruisco io!

Da oggi l'impianto Hi-Fi me lo costruisco io!
Tromba Fostex by Audiodefinition

L’impianto Hi-Fi me lo costruisco io! Se un tempo l’autocostruzione era riservata a pochi esperti, al giorno d’oggi con un minimo di competenze è possibile cimentarsi  ed avere la soddisfazione di poter dire: “L’ho fatto io!”.

Cosa costruire?

Al giorno d’oggi possiamo dire l’impianto Hi-Fi me lo costruisco io e, in teoria, con l’autocostruzione possiamo fare veramente di tutto. In rete troverete svariate proposte di progetto. Le cose forse più semplici da costruire sono i diffusori e le amplificazioni. Se siete alle prime armi e volete stare tranquilli, sui diffusori passivi non c’è il rischio di rimanere folgorati dalle alte tensioni e forse, la realizzazione è ancora più semplice delle elettroniche, specie se ci si affida a kit specifici.

Nel corso degli anni ci sono stati fior fiori di progettisti che nell’ottica dell’open source hanno regalato progetti agli appassionati, tra i tanti, ci vengono in mente gli italiani Bartolomeo Aloia e Renato Giussani senza dimenticare Nelson Pass .

Da oggi l'impianto Hi-Fi me lo costruisco io!
Un circuito stamapato

Ne vale la pena?

Dipende dall’ottica con cui si approccia alla questione:

  • il poter dire: “l’impianto Hi-Fi me lo costruisco io!” già solo per questo motivo ne varrebbe la pena
  • Personalizzazione: a volte abbiamo necessità particolari ad esempio necessitiamo di un diffusore di un determinato colore e di una determinata forma oppure ci piace un suono caratterizzato da un determinato parametro: con l’autocostruzione tutto questo è possibile.
  • rivendibilità: in questo caso possiamo affermare con certezza che tutto ciò che è autocostruito difficilmente avrà un valore nell’usato o quantomeno subirà un deprezzamento non indifferente. Voi vi fidereste ad acquistare un amplificatore usato dove passa corrente costruito da un hobbista?
  • rapporto qualità prezzo: con l’autocostruzione si ottengono ottimi risultati con spese contenute, a patto ovviamente di saper dove mettere le mani.
  • riciclo: diciamocelo francamente siamo degli accumulatori seriali e spesso e volentieri abbiamo in casa materiale accumulato e lasciato lì a marcire: con l’autocostruzione magari potremmo farlo “risorgere” .

Cosa e dove comprare ?

In Italia e nel mondo è pieno di forum e siti dedicati all’autocostruzione ma se siete alle prime armi vi consigliamo di rivolgervi ai tanti siti italiani, in particolare a quelli che producono kit e che potranno seguirvi durante la realizzazione.

Tra le nostre scelte ci sono:

  • Audiodefinition  specializzati in cabinet per diffusori , porta elettroniche e tutto ciò che riguarda il legno. Li consigliamo per conoscenza della materia e velocità di realizzazione.
  • Audio Kit storico negozio vicino Roma con ampia offerta di componenti e anche diversi kit
  • Axiomedia negozio online ricco di proposte in kit, una gamma sterminata di prodotti ed assistenza competente .
  • Hi-Fi 2000 negozio specializzato nella produzione dei cabinet per elettroniche.

Qualche progetto per iniziare.

Da oggi l'impianto Hi-Fi me lo costruisco io!
Naboo by Axiomedia
  • Naboo by Axiomedia: è un buon inizio , disponibile in varie opzioni con cross over già assemblati e tutte le misure del caso. Avrete un PDF con le istruzioni che vi seguiranno passo passo. Con questo progetto potrete affermare anche voi: “L’impianto Hi-Fi me lo costruisco io!” I prezzi variano a seconda delle scelte:  é il progetto ideale per una prima esperienza di autocostruzione.
Da oggi l'impianto Hi-Fi me lo costruisco io!
Hatt GSI by “Diechirico”
  • Hatt GSI by Salvatore Giannotti : le Hatt GSI sono frutto del lavoro di un appassionato e sono state riproposte in diverse versioni. Vincitrici di molti riconoscimenti sono un mini diffusore con carattere da vendere. Il kit è disponibile  a questo link sul sito DiBirama .
Da oggi l'impianto Hi-Fi me lo costruisco io!
Modulo Mono Hypex NC400
  • Hypex : per chi volesse assemblarsi un amplificatore Hi-End  che consumi poco in grado di pilotare più o meno tutto può rivolgersi tranquillamente  a questa azienda. I collegamenti da fare sono estremamente semplici e a parte qualche cacciavite ed un saldatore a stagno serve veramente poco. In rete inoltre troverete diversi tutorial sul come assemblarlo. Ci sono anche kit con i cabinet già forati appositamente.

Abbiamo Bisogno di voi

Siete degli auto costruttori incalliti? avete voglia di parlare dei vostri progetti? Siamo qui, a vostra disposizione , per condividere la nostra passione. Scriveteci all’indirizzo mail info@afdigitale.it e proponeteci le vostre realizzazioni.

Conclusioni e riflessioni.

Studiate bene ciò che volete fare , ricordate sempre che c’è di mezzo la corrente e prendete tutte le precauzioni del caso. Se siete proprio a digiuno di elettronica vi consigliamo di non cimentarvi in cose che possono diventare pericolose.

Facendo attenzione a delle piccole e semplici regole potrete divertirvi in sicurezza e dire anche voi: “l’impianto Hi-Fi me lo costruisco io! “

In ogni caso la redazione di AF Digitale declina ogni responsabilità per danni a persone o cose.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

    © 2020, MBEditore, riproduzione riservata.

    AF Theater, la tua location per test ed eventi. Clicca per info e costi


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest