Featured home Hi-Fi

Italians do it better, stavolta l’impianto è per molti

Il precedente capitolo di “Italians do it better” ha riscosso un successo enorme ed in molti ci avete chiesto se era possibile realizzare un impianto fully made in Italy ma dalle cifre più abbordabili

“Italians do it better” ci riprova. Stavolta il tetto di spesa è assai più basso del precedente diciamo che vi proporremo un setup con un budget di spesa di circa 6.000 Euro. Abbiamo cercato in rete quali potevano essere i prezzi migliori dei tre componenti che abbiamo selezionato. Visto l’imperversare dello streaming per quanto riguarda la sorgente, al momento potrete utilizzare un comune pc e magari sfruttare uno dei nostri tutorial su Foobar o Daphile.

Diffusori: Rosso Fiorentino Pienza

Rosso Fiorentino è una di quelle realtà italiane che all’estero riscuote un successo indiscusso. Le Pienza sono diffusori da stand con una risposta in frequenza  a -3dB  55Hz – 30kHz. Si tratta di un diffusore a due vie con 1 woofer da 130mm  in fibra di vetro composita  ed 1 tweeter da 25mm. Il tipo di caricamento è in bass reflex e la sensibilità è di circa 85db. I cabinet sono realizzati in MDF con chips in marmo nei pannelli laterali al fine di offrire un cabinet molto rigido. I driver  restituiscono  un suono preciso e dettagliato. Le Pienza sono state studiate per rendere al meglio in ambienti medio piccoli, come una stanza di un appartamento. La ricostruzione scenica e le buone performance a livello dinamico sono tra i cavalli di battaglia di questo diffusore.  Finiture di pregio e design made in Italy per un diffusore interessante e poco conosciuto al grande pubblico. A questo link il prezzo a cui le abbiamo trovate.

Dac/preamplificatore/ampli cuffia M2Tech.

Il 3 in 1 di M2Tech: con un singolo apparecchio avrete a disposizione un preamplificatore con ingressi digitali ed analogici, un convertitore digitale/analogico ed un amplificatore per cuffie. Lo Young IV è equipaggiato con l’AK4497 ed è in grado di gestire segnali PCM 768kHz e DSD 512x oltre a supportare la codifica MQA. Altra importante novità è l’ingresso i2s sotto standard Ps Audio ( il più utilizzato al mondo). Tra le comodità ricordiamo il ricevitore Bluetooth® con aptX® al quale potrete connettere il vostro tablet o cellulare. Come sorgente potete utilizzare tranquillamente il vostro pc tramite Foobar oppure reciclarne un vecchio e provare l’ebrezza di Daphile. La soluzione pre/dac/ampli cuffia in ambito professionale è già molto diffusa e pian piano sta prendendo piede anche tra gli appassionati specialmente tra quelli che strizzano un occhio non solo alle prestazioni ma anche al portafogli. L’accoppiata con un finale in classe D dello Young è assai collaudata tanto che lo stesso costruttore ha nel suo catalogo amplificazioni in classe D da collegare direttamente allo Young. Il prezzo a cui l’abbiamo trovato è a questo link .

STUDIO N-10DM

Rouge Audio Studio N-10DM

L’italiana Rouge Audio Design assembla in Italia amplificatori in classe D basandosi sui più famosi chip. Nel caso in oggetto utilizza due moduli mono Icepower 1200AS1.  La potenza continua erogata è di 290 watt per canale su 4 ohm mentre la potenza massima è di 1200 watt sempre su 4 ohm. Diverse le personalizzazioni disponibili come il tipo di connettori utilizzati e tanto altro. La caratteristica di questi amplificatori è di consumare poco, pesare ancora meno ed offrire potenze ragguardevoli a fronte di una spesa accettabile. Il consiglio del costruttore è quello di far rodare l’apparecchio a lungo prima di giudicarne la resa sonora. Il prezzo di listino parte da circa 1480 Euro.

Conclusioni e considerazioni su Italians Do It Better

Conti alla mano con circa 5.800 Euro siamo riusciti ad allestire il setup di “Italians Do It Better” esclusivamente made in Italy che nulla ha a che invidiare a setup oltre confine, anzi, teoricamente, rimanendo in Italia dovremmo giovare anche dei costi di gestione favorevoli.

 

 

 

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest