Featured home Notizie Personal computing

Daphile, il jukebox portatile

Daphile, il jukeboxportatile 2

Con l’aiuto di un sistema operativo potente e flessibile come Linux, possiamo trasformare un pendrive in un jukebox portatile, in modo semplice.

Vi spieghiamo come

Installare un sistema operativo non è mai cosa semplice ma esistono delle versioni speciali, chiamate distribuzioni LIVE, utilizzabili direttamente da un pendrive USB, che trasformano il computer che le ospita in un jukebox portatile, come Daphile.

Il sito dove reperire l’occorrente ne parla come di un cuore di un sistema di musica digitale, ma altri non è che un server linux specializzato nell’audio. Il principio di funzionamento, rappresentato dalla figura sottostante, è semplice: si scarica un file .iso che contiene la distribuzione che vogliamo testare (Daphile, Volumio, o altri) e la si copia in un pendrive da almeno 32GB tramite un programma specifico come Rufus (usando Windows) o Balena Etcher (per gli utenti Mac).

Daphile, installazione live

Preparazione pendrive, avvio da USB e utilizzo di una distribuzione live

Avviando il computer con il supporto appena creato, ci ritroveremo davanti un ambiente molto semplice che chiederà di scegliere se vogliamo impostare i parametri di rete in modo manuale (a sx nell’immagine sottostante), oppure lasciare fare tutto in automatico (a dx).

Daphile network

Fasi di installazione di Daphile

In entrambi i casi, il computer mostrerà una schermata dove ci fornirà l’indirizzo da digitare per accedere al nostro jukebox portatile. Potremo farlo da qualsiasi dispositivo collegato al modem/router di casa semplicemente aprendo una finestra del programma che usiamo normalmente per navigare in internet ma digitando, invece, l’indirizzo proposto nella schermata precedente.

Il bello di questo tipo di soluzioni è che il programma principale, il server audio, funzionerà con un computer che può essere un vecchio netbook, un minicomputer comprato appositamente, o il vecchio PC in cantina.

Potremo collegarlo ad un DAC esterno, per migliorare la resa sonora, a degli altoparlanti o ancora lasciarlo funzionare da solo. L’audio infatti, sarà ascoltabile sia dai dispositivi collegati fisicamente al nostro server, sia da quelli mobili con i quali vi accederemo, come cellulari, computer portatili o amplificatori/lettori di rete eventualmente collegati all’impianto stereo del salotto.

Daphile, impostazioni dac

Le opzioni per gestire il Dac esterno e i dispositivi audio

Per ogni dispositivo collegato, il programma permette di scegliere parametri come, ad esempio, la possibilità di convertire da dsd a pcm (D2P) oppure una riproduzione bitperfect, nel qual caso il controllo del volume viene disabilitato.

Un’altra caratteristica che lo rende prezioso è la possibilità di eseguire una copia dei nostri CD direttamente in digitale usando il formato flac, fornendo così un altro valido aiuto per creare un archivio digitale della nostra musica su supporto fisico.

Daphile, cdrip

Rip dei CD riconosciuti grazie a Gracenote

In caso vogliate usare Daphile come ripping machine per estrarre le tracce audio, vi consiglio di installare definitivamente la distribuzione live così da svincolarla dall’utilizzo esclusivo su pendrive, scegliendo dalla prima schermata l’installazione definitiva, in modo da avere lo spazio di un intero hard disc per l’immagazzinamento dei brani audio.

Il fatto di potere accedere a Daphile tramite un semplice browser come Chrome, Firefox, Safari o altri, rende gestibile la fruizione dei contenuti da qualsiasi dispositivo possa accedere al nostro jukebox portatile. Tutte le operazioni come ascoltare musica, un podcast, creare playlist o veicolare l’audio in uscita, sono fattibili dalla medesima interfaccia sia utilizzando un computer portatile sia un cellulare.

Daphile Web Interface

Basta una finestra del browser di qualsiasi dispositivo per avere il controllo

Daphile è basato su una distribuzione linux sulla quale è stato installato il media server di Logitech, pertanto le stesse funzioni dell’interfaccia web sono anche disponibili utilizzando delle app specifiche, come Squeezer, disponibile per Android, con il quale è possibile gestire il proprio account Tidal per un ascolto di qualità indiscussa.

Daphile Squeezebox

L’app  Squeezer

Dall’interfaccia web è disponibile una nutrita schiera di plugin installabili gratuitamente per accedere ai servizi di streaming come Tidal o Qobuz (tramite Logitech Squeezebox) oppure ad altri per l’integrazione con iTunes oppure, ancora, per aggiungere il supporto UPNP alla rete locale.

Daphile plugin

La pagine dei plugin

Essendo basato sul mondo Linux, Daphile è altamente configurabile e personalizzabile attraverso moltissime patch e personalizzazioni del kernel, cioè il vero cuore del programma. Lo scopo di questo articolo, però, è quello di portare alla luce le principali caratteristiche di un jukebox portatile che diffonda la musica in ogni angolo della nostra abitazione attraverso qualsiasi dispositivo collegato. A questo proposito, è possibile sincronizzare lo stesso brano musicale su tutte le uscite possibili o con altri riproduttori collegati, rendendo possibile una sorta di filodiffusione in tutta la nostra casa.

Daphile play sync

Sincronizzazione tra tutti i dispositivi e le uscite audio

Gli ingredienti sono semplici, bastano un pendrive, tanta musica e un vecchio computer, ora tocca a voi.

Stay Tuned!

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest