AF Focus Featured home Tendenze

Lettore CD sotto i 500 euro: ascoltare bene senza svenarsi

lettori cd

Abbiamo scelto per voi alcuni dei lettori CD con il miglior rapporto qualità-prezzo sul mercato che offrono ottime prestazioni facendovi spendere meno di 500 euro

Spendere meno di 500 euro per un lettore CD e vivere felici e contenti? Missione tutt’altro che impossibile anche considerando l’opportunità di riprodurre file hi-res tramite USB. Per questo abbiamo scelto sei modelli da poco più di 300 euro fino a 499 euro in grado di dare grandi soddisfazioni a chi è ancora affezionato ai CD e magari vuole passare a un modello più performante da suo attuale “muletto” senza però spendere eccessivamente.

Denon DCD-600NE 

lettori cd

Il lettore CD Denon DCD-600NE a poco più di 300 euro è un’ottima soluzione per qualsiasi tipo di ascoltatore che non cerca nient’altro che un buon player CD (non aspettatevi quindi ingressi USB, connettività di rete o quant’altro). Grazie alla tecnologia proprietaria Denon AL32 Processing, combinata con un’innovativa struttura circuitale e con un design resistente alle vibrazioni, assicura una resa sonora di tutto rispetto.

  • AL32 Processing e Convertitori D/A Ultra Precision 192kHz/32bit
  • Supporto CD e CD-R/RW (MP3, WMA)
  • Design resistente alle vibrazioni con sistema Direct Mechanical Ground
  • Circuiti con percorsi del segnale ridotti
  • Circuiti audio e digitali accuratamente progettati
  • Pure Direct Mode per un’uscita audio più pulita e un suono più preciso e dettagliato

Teac PD.301DAB-X 

Il Teac PD-301DAB-X è dotato di un meccanismo compatto e di alta precisione per il caricamento di CD a slot, progettato esclusivamente per applicazioni audio professionali. I formati audio digitali convenzionali come MP3 e WMA possono essere riprodotti da dischi CD-ROM/CD-R/CD-RW.


Inoltre, i file audio nei formati AAC e WAV sono supportati anche quando vengono riprodotti da un’unità flash USB inserita nella porta USB anteriore. Il TEAC PD-301DAB-X integra inoltre un DAC PCM5142 di BurrBrown di alta qualità e, a differenza della maggior parte degli altri lettori CD, offre anche un modulo sintonizzatore DAB+/FM all’interno del suo compatto telaio, il tutto per un prezzo di 390 euro.

NAD C 538 

Anche qui si bada al sodo (nessuna porta USB e manca anche l’uscita cuffie), ma il NAD C 538, seppur essenziale anche nell’estetica, rimane un validissimo lettore CD. La meccanica di lettura deve essere solida e priva di vibrazioni e risonanze e in NAD hanno utilizzato un meccanismo che usa acciaio e plastiche dure, mentre il sistema di trasporto sfrutta oltre 30 punti di aggancio per massimizzare la solidità.

La sezione di conversione utilizza un DAC Wolfson a 24-bit con il supporto di un clock preciso e affidabile. Sul buffer di uscita sono stati utilizzati degli OP amp per uso specifico che mantengono basso il livello di rumore e distorsione. La scheda madre è multistrato, con montaggio superficiale dei componenti e un percorso del segnale audio molto corto e lineare. Da segnalare anche la sezione di alimentazione sovradimensionata con secondari separati per le varie sezioni del lettore e la compatibilità con CD e CD-RW con file MP3 e WMA. L’uscita digitale in formato ottico e coassiale serve per utilizzare un DAC esterno o per collegarsi ad un ampli/pre come quelli della serie AVR.

Marantz CD6007 

lettore cd

Migliorando il pluripremiato CD6006, il lettore CD6007 dispone di componenti ancora più selezionati e un layout del circuito migliorato. I piedini rigidi eliminano ulteriormente le vibrazioni indesiderate mentre l’alimentatore sovradimensionato a basso rumore alimenta i circuiti digitali e analogici del lettore. Il nuovo DAC AK4490, insieme alle due opzioni di filtro selezionabili e all’amplificatore di segnale proprietario HDAM-SA2, assicura prestazioni eccellenti per il prezzo (circa 450 euro online). Filter 1 è un preset con uno slow roll-off che migliora la profondità dell’immagine stereo, mentre Filter 2 è un filtro con uno roll-off più nitido per una riproduzione dell’immagine stereo più precisa.

Il CD6007 è dotato di un sofisticato amplificatore per cuffie di nuova concezione con una regolazione di guadagno per adattarsi ad una vasta gamma di modelli di cuffie e può riprodurre file MP3, WMA, AAC e WAV, FLAC HD, ALAC, AIFF (fino a 192 kHz/24 bit) e DSD (fino a 5,6 MHz) da un dispositivo di memoria USB collegato.

Cambridge Audio AXC35 

lettore cd

Poco più di 300 euro online per questo lettore CD di Cambridge Audio alto soli 7,5cm e con un’estetica sobria e decisa che caratterizza l’intera gamma AX del produttore britannico. Escludendo il telecomando, che dà una sensazione di ultra-cheap, nella parte frontale del lettore troviamo un display a matrice di punti luminoso e gradevole, cinque pulsanti circolari per accensione, espulsione, riproduzione/pausa, stop e salto traccia sul lato destro dell’unità e un pulsante di accensione a sinistra.

Sul retro, a parte le uscite di linea e il cavo di alimentazione, un’uscita digitale coassiale completa l’elenco delle connessioni. L’inclusione del coassiale è la principale differenza tra questo AXC35 e il più economico AXC25. A differenza del lettore CD Marantz CD6007, che però costa molto di più, non c’è un’uscita ottica e manca anche un ingresso USB, ma considerando il prezzo Cambridge Audio ha fatto abbastanza per coprire tutto il necessario. In sede di recensione, di questo CD player abbiamo apprezzato soprattutto la naturalezza e il dettaglio convincente a, a questa cifra, non troverete molto di meglio.

Yamaha CD-S303 

lettori cd

Il lettore CD più recente di Yamaha si trova online a circa 350 euro e offre anche la riproduzione dei file audio memorizzati su dispositivi di memoria USB grazie alla porta USB sul pannello anteriore. Tramite la modalità Pure Direct l’uscita audio digitale viene disattivata e il display viene spento. In questo modo si ottiene la minima interferenza di rumore possibile e di conseguenza la massima qualità audio dell’uscita audio analogica.

Gli alimentatori per le sezioni di azionamento motore, display e USB, nonché le sezioni digitale e analogica sono isolati singolarmente, eliminando le interferenze elettromagnetiche tra di loro. Per ottenere un bilanciamento del peso ideale a garantire prestazioni stabili, il meccanismo di azionamento è stato posto al centro dell’unità. Il DSP utilizzato da Yamaha è esclusivo per i CD ed è stato scelto per monitorare il segnale, regolare il tracking e la messa a fuoco del pickup, nonché la velocità del motore del mandrino per compensare eventuali problemi. Tramite la porta USB sul pannello frontale si possono riprodurre file MP3, WMA, LPCM, AAC o FLAC e sono ovviamente supportati i CD-R/RW.

© 2021, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest