Hi-Fi Notizie

AURALiC Altair G2.1: streamer audio per veri intenditori

Altair G2.1

L’AURALiC Altair G2.1, versione evoluta e più costosa dell’Altair G1, è uno streamer audio/DAC/preamplificatore dalle funzionalità complete e dal prezzo importante

AURALiC continua ad aggiornare la sua gamma di prodotti, con l’Altair che è l’ultimo in ordine di tempo ad essere stato toccato dal restyling G2.1 (ne abbiamo parlato qui a inizio anno). L’Altair G2.1, versione evoluta e più costosa dell’Altair G1, è uno streamer audio/DAC/preamplificatore dalle funzionalità complete sviluppato per tenere conto sia delle sorgenti digitali che analogiche e, contando quanto di buono fatto con l’Altair G1, non possiamo che aspettarci grandi cose da questo fratello maggiore, disponibile entro fine mese a 4999 euro sotto distribuzione Audiogamma.

Dotato di un controllo del volume analogico simile a quello del Vega G2.1, l’Altair G2.1 si basa su un design a scala resistiva e promette un segnale ultra silenzioso, indipendentemente dall’ingresso utilizzato. I moduli di uscita Orfeo di classe A consentono un segnale a bassissimo rumore e bassa distorsione nel dominio analogico. Il tutto è inserito nello Unity Chassis II di AURALiC, che prevede un sottotelaio in rame su una base in alluminio supportata da un sistema di piedini con sospensione a sei molle.

Altair G2.1 ospita anche due ingressi separati completamente analogici, bypassando completamente la struttura digitale e mantenendo un segnale analogico puro dall’ingresso all’uscita. L’ingresso analogico a livello di linea include la funzionalità di bypass home theater, mentre lo stadio phono MM progettato internamente fornisce una connessione diretta e silenziosa a un giradischi.

Altair G2.1

Come per il DAC Vega G2.1, vincitore quest’anno del premio Applause, l’elaborazione è gestita dalla piattaforma proprietaria Tesla G2, completa di doppi clock Femto per fornire segnali con timing preciso e ridurre il jitter associato. L’architettura proprietaria Tesla, sviluppata nella sua versione originale nel 2014 con l’obiettivo di creare una piattaforma ad alte prestazioni, aggiornabile e ottimizzata per la massima qualità del suono, è ora il 50% più veloce rispetto al passato, con il doppio delle risorse di elaborazione, ed è il cuore dietro l’impronta sonora dei prodotti AURALiC.

Il supporto per Roon (parliamo infatti di uno streamer certificato Roon Ready) è affiancato dal controllo Lightning DS per gli utenti iOS e dalla compatibilità del software di controllo basato su OpenHome. Naturalmente, Qobuz, Tidal e Spotify Connect sono tutti presenti all’appello e, a livello di connettività, non mancano AirPlay, Bluetooth, Wi-Fi ed Ethernet.

Il display da 4’’ rimane lo stesso dell’Altair G1, ma non ci possiamo davvero lamentare considerando che si tratta di uno schermo con una risoluzione di ben 300 ppi. Sul versante hi-res segnaliamo infine il supporto a file PCM fino a 32-bit/384 kHz e file DSD64(2.8224MHz), DSD128(5.6448MHz), DSD256(11.2896MHz) e DSD512(22.57892MHz).

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest