AF Focus Tecnologie

LDAC: l’ascolto wireless di alta qualità targato Sony

Se vi siete ormai convertiti all’ascolto wireless e cercate la massima qualità, una catena audio compatibile con il codec LDAC vi regalerà tante soddisfazioni

Per quando la trasmissione audio abbia fatto passi da giganti negli ultimi anni a livello qualitativo, la differenza tra cavo e non-cavo continua a rimanere a favore del primo, anche se con l’avvento di codec audio molto performanti dedicati all’ascolto wireless in cuffia il gap non è così ampio come poteva esserlo solo dieci anni fa. Uno dei primi esempi di questo “audio virtuoso” senza cavi è stato il codec LDAC di Sony lanciato al CES 2015, il cui logo spicca sulle confezioni di alcuni prodotti del brand nipponico (ma non solo) come sinonimo di elevata qualità audio. Ma cos’è esattamente LDAC? Come funziona e quali prodotti lo supportano?

Cos’è LDAC?

LDAC è un codec che consente di riprodurre in streaming audio ad alta risoluzione fino a 32-bit/96 kHz tramite Bluetooth con un data-rate massimo di 990 kbps. Secondo Sony, questo codec consente di trasmettere in streaming circa tre volte più dati tramite Bluetooth grazie all’uso di una codifica più efficiente e di una “pacchettizzazione ottimizzata” dei dati.

In confronto, il codec SBC (Bluetooth standard) raggiunge solo un data-rate massimo di 328kbps, mentre aptX HD di Qualcomm può trasmettere in streaming fino a 576kbps. Con l’ancor più recente codec aptX Adaptive, il bit-rate scala dinamicamente da 279 kbps fino a 860 kbps. Tutto ciò, teoricamente, rende LDAC il codec Bluetooth di miglior qualità disponibile oggi sul mercato.

Cosa serve per lo streaming LDAC?

Se volete sfruttare questo codec, avrete bisogno di una sorgente audio e di cuffie/auricolari, speaker wireless o soundbar compatibili; l’intera catena di ascolto deve insomma essere LDAC-ready. Per quanto riguarda gli smartphone, il codice sorgente di LDAC fa parte del progetto Android Open Source e dovrebbe essere disponibile su qualsiasi modello con a bordo Android Oreo 8.0 e versioni successive.

ldac

Da notare però che produttori necessitano sempre e comunque dell’approvazione di Sony per implementare LDAC all’interno dei loro dispositivi e quindi non è detto che tutti i device con Oreo 8.0 (o release successiva) lo implementino. Per scoprire se il vostro smartphone è LDAC-ready, dovete seguire questi passaggi:

  • Impostazioni
  • Info sul dispositivo
  • Scorrete verso il basso fino alla voce Numero build
  • Toccate sette volte finché non viene visualizzato un messaggio che attiva la modalità sviluppatore
  • Tornate in Impostazioni e andate su Opzioni sviluppatore e quindi su Codec audio Bluetooth
  • Scegliete il codec della migliore qualità compatibile con le vostre cuffie o speaker wireless

Quali prodotti supportano LDAC?

Anche se negli ultimi tempi il parco dispositivi LDAC-ready si è molto ampliato, la maggior parte dei prodotti compatibili con questo codec rimane marchiata Sony, come dimostrano le recenti cuffie wireless top di gamma Sony WH-1000XM4 e gli auricolari true wireless WF-1000XM3. Passando agli smartphone ed escludendo gli iPhone, Sony ha integrato LDAC in modelli come l’Xperia 1 II e l’Xperia 5, così come il player audio portatile Walkman NW-A55L.

In ambito Android comunque abbiamo già visto che, teoricamente, tutti gli smartphone più recenti possono integrare LDAC e quindi, se volete sfruttare un nuovo telefono anche come player audio di alta qualità, informatevi prima leggendo le specifiche tecniche del modello che avete adocchiato. Al di fuori di Sony e degli smartphone, altri produttori di dispositivi LDAC-ready sono Audeze, Fiio (con il suo DAP M11 Pro), Oppo, Panasonic, TEAC, Anker, AudioTechnica, Astell&Kern, ASUS e molti altri (qui la lista completa).

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest