Featured home Hi-Fi Notizie

M2TECH TOSH: il nuovo preamplificatore di Marco Manunta

L’azienda toscana M2Tech capitanata dal musicofilo Marco Manunta sforna il preamplificatore analogico Tosh. Ecco le prime informazioni.

L’ M2Tech Tosh è il nuovo preamplificatore analogico che rimane fedele al family look di casa M2Tech. Su questo componente nel corso degli anni ci si è interrogati sempre di più per via della sua importanza in un sistema Hi-Fi. In M2Tech sono convinti che:

il preamplificatore è il cuore dell’ impianto, nonché il componente le cui prestazioni influiscono in modo più rilevante su alcuni parametri quali trasparenza, dettaglio, spinta dinamica ai bassi livelli. Inoltre, il preamplificatore fa da anello di congiunzione tra le sorgenti e gli amplificatori di potenza.

M2Tech Tosh ecco tutto quello che sappiamo

Il Tosh è un preamplificatore per sole sorgenti ad alto livello (chi possiede un giradischi può utilizzare il Nash per collegarlo tra giradischi e preamplificatore Tosh), caratterizzato da una circuitazione totalmente bilanciata a componenti discreti, mutuata da quella dell’amplificatore per cuffie Marley e adattata per il pilotaggio di utilizzatori ad alta impedenza, quindi in sostanza per gli amplificatori di potenza. L’M2Tech Tosh è equpaggiato con tre ingressi single-ended su connettori RCA (il cui segnale viene convertito in bilanciato tramite un apposito circuito) e tre ingressi bilanciati su connettori compositi a 7 poli (uno per canale) ai quali si applicano i due cavi adattatori in dotazione, ciascuno dotato di tre connettori XLR femmina a 3 poli. Fornisce il segnale di uscita sia in formato single-ended su connettori RCA che in formato bilanciato su connettori XLR. Per quanto riguarda il controllo del volume, il Tosh utilizza due attenuatori a rete di resistenze integrati MUSES 72320, a detta dell’azienda toscana, i migliori sul mercato. Essi permettono anche il controllo del bilanciamento (+/-6 dB) ed il muting (-20 dB). Tutti i circuiti sul percorso audio sono alimentati tramite un regolatore duale a componenti discreti progettato direttamente da M2Tech e caratterizzato da un bassissimo rumore di fondo. Ciò permette di raggiungere prestazioni di rapporto segnale/rumore incredibili (fino a 130 dBA) che rendono il Tosh trasparente al segnale (guadagno a parte) e gli permettono di trasferire agli amplificatori di potenza il messaggio musicale inalterato nelle sue componenti dinamiche e con tutti i suoi dettagli. La sua ridottissima impedenza di uscita rende il Tosh insensibile ai parametri del cavo di segnale usato per collegarlo all’amplificatore di potenza. La sua tensione di uscita massima di 8,6 Vrms sull’uscita single-ended e di 17,3 Vrms sull’uscita bilanciata gli consente di pilotare al meglio anche l’amplificatore di potenza meno sensibile. Un’uscita trigger permette al Tosh di accendere automaticamente un amplificatore di potenza ad esso collegato. Il Tosh può essere controllato tramite l’encoder del pannello frontale, tramite il telecomando ad infrarossi in dotazione oppure tramite la app per iPhone e smartphone Android messa a disposizione gratuitamente da M2Tech su AppleStore e Google Play.

Conclusioni e considerazioni

Dopo le prove dell’M2Tech Young MKIV e dell’M2Tech Nash, ci prenotiamo per una prova dell’M2Tech Tosh che dalle prime informazioni, dovrebbe avere un prezzo di listino di 2550 Euro. Per maggiori informazioni potete consultare il sito del costruttore.


 

© 2023, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Loading RSS Feed


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest