Notizie TV

Mercato TV: Samsung domina incontrastata un 2021 col segno meno

mercato tv

Trendforce ha comunicato le stime aggiornate sull’andamento del mercato globale dei TV, che a fine anno dovrebbe far segnare -0,9% su base annua

Trendforce ha comunicato le stime aggiornate sull’andamento del mercato globale dei TV, che a fine anno dovrebbe far segnare -0,9% su base annua passando dai 217 milioni di unità vendute nel 2020 ai 215 milioni previsti per l’anno in corso. Un calo (seppur non drammatico) che contraddice le stime precedenti, anche perché la prima metà dell’anno è andata a gonfie vele per i produttori di TV.

Nei primi sei mesi del 2021 la domanda di televisori è infatti cresciuta del 10% anno su anno, ma nei mesi successivi i problemi di forniture dei pannelli, i loro prezzi costantemente più elevati e i tempi di spedizioni dilatati in Europa e Nord America hanno contribuito a frenare le vendite, nonostante, tra Europei di Calcio e Olimpiadi, il periodo estivo di quest’anno facesse presagire un boom di vendite (come sempre accade quando ci sono questi grandi eventi sportivi).

Proprio per far capire meglio il rincaro dei prezzi dei pannelli, Trendforce ricorda che nel periodo compreso tra giugno 2020 e luglio 2021, il prezzo di un pannello da 32” è salito del 167% mentre il prezzo per l’utente finale è aumentato del 30-35%. Per i pannelli da 55″ di fascia medio-bassa l’incremento è stimato al 120% e al 20-25% per l’utente finale, mentre quelli di fascia più alta hanno subito anche alcuni cali. Inutile dire che a causa di questi rincari ci si attende che anche in un periodo solitamente “florido” come quello che va dal Black Friday le vendite saranno inferiori allo scorso anno.

Passando invece ai produttori, è la Corea del Sud a dominare il mercato globale, con LG e Samsung che insieme hanno totalizzato il 20% del market share, equivalente a 20,7 milioni di TV piazzati per Samsung e a 14,01 milioni per LG nella prima metà dell’anno. Subito dopo troviamo i brand cinesi TCL, che ha aumentato le vendite dell’11,5% (11,05 milioni in totale) anno su anno, e Hisense, che le ha incrementate del 9,5% (8,94 milioni).

Anche in questo caso, come per LG e Samsung, la parte del leone l’hanno giocata i TV con dimensioni dai 55″ in su: in questo segmento rientra infatti il 36,5% dei TV venduti da TCL e il 40,2% degli Hisense. Ancora Cina con Xiaomi, oggi quinto produttore al mondo nonostante l’andamento negativo nel primo semestre dell’anno (-6,6% anno su anno corrispondente a 5,52 milioni di TV venduti). Non sappiamo invece come sia andato il semestre dei big giapponesi (Sony e Panasonic) e di Philips, ma ormai è chiaro che il dominio del mercato TV è nelle mani dei colossi coreani e dei cinesi.

Trendforce conclude la sua analisi citando la congestione delle attività portuali, che ha portato a ritardare le spedizioni anche di 3 o 4 settimane nel corso del terzo trimestre del 2021. Anche per queste problematiche, nel secondo semestre dell’anno si stimano vendite pari a 117 milioni di pezzi venduti, ovvero un -8,5% anno su anno.

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest