AF Focus Featured home Tendenze

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

Giradischi Bluetooth

Abbiamo scelto cinque giradischi con prezzi dai 200 ai 1500 euro con connettività Bluetooth, requisito sempre più richiesto dai “vinilisti” più giovani

Mentre i meccanismi di riproduzione del vinile non sono cambiati poi molto dagli albori di questo supporto (ancora amatissimo), la tecnologia del giradischi non è rimasta completamente ferma. Una delle principali evoluzioni in questo settore è stata senza dubbio l’adozione del Bluetooth, che oltre a liberare l’ascoltatore dall’assillo dei cavi permette di godersi i propri vinili collegando in modalità wireless al giradischi solo degli speaker o delle cuffie Bluetooth.

Ma non è finita qui, visto che un altro importante fattore di novità è l’arrivo dell’USB, grazie al quale si può collegare il giradischi a un PC e riversare su di esso la nostra intera collezione di vinili preservandola in digitale dall’usura del tempo. Insomma, i giradischi odierni più evoluti e completi sono in grado di fare tantissime cose e anche partendo da circa 200 euro potete portarvi a casa un tuttofare “vinilitico” impensabile solo una decina di anni fa.

Audio Technica AT-LP120XBT-USB

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

L’AT-LP120XBT-USB da 329 euro è dotato di una porta USB e di Bluetooth 5.0 (è anche compatibile con il codec audio Qualcomm aptX per uno streaming wireless con qualità lossless) ed è un modello completamente manuale a trasmissione diretta che supporta velocità di registrazione di 33, 45 (tramite adattatore) e 78 giri/min.

Viene fornito con il portatestina universale AT-HS6 da mezzo pollice e la testina MM AT-VM95E con stilo ellittico da 0,3 x 0,7 mm, che se acquistata separatamente costa circa 50 euro. Audio-Technica afferma che la testina AT-VM95E, con tensione di uscita 4,0 mV, risposta in frequenza da 20 a 22.000 Hz e cantilever in alluminio, è compatibile con qualsiasi stilo sostitutivo della serie VM95, offrendo così un’ampia scelta di opzioni a seconda del budget a disposizione.

Sony PS-LX310BT

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

Il Sony PS-LX310BT (200 euro su Amazon) ha un design senza tanti fronzoli ed è un giradischi davvero alla portata di tutti sia come prezzo, sia come impostazioni iniziali e utilizzo. Potete quindi scordarvi i tutorial su YouTube per capire come calibrare il braccio; non c’è niente da impostare qui. I pulsanti che azionano il braccio completamente automatico potrebbero sembrare leggermente “goffi”, ma anche in questo caso non ci si può lamentare granché visto il prezzo.

Potete collegare il PS-LX310BT fino a un massimo di otto dispositivi Bluetooth e, nei nostri test con le cuffie, la connessione è stata abbastanza stabile da poter ascoltare musica in un’altra stanza con la porta chiusa (mettete in conto una portata di almeno 15 metri). Sony propone quindi un giradischi completamente automatico “plug and play” con stadio phono e Bluetooth a un prezzo davvero concorrenziale. Dove sta il trucco? Nelle prestazioni audio insufficienti? Assolutamente no.

Pro-Ject Essential III BT

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

Con il Pro-Ject Essential III BT siamo di fronte a un giradischi Bluetooth da 399 euro di stampo entry level. Nel complesso appare fin troppo leggero; qualche etto in più non avrebbe guastato e un centimetro in più di spessore nel telaio e nel piatto avrebbero fatto la differenza ma a discapito del costo. Tutto sommato però il prodotto risulta vincente con questo rapporto qualità/prezzo,

Tra le caratteristiche segnaliamo la trazione a cinghia, la testina Ortofon già montata e messa in dima pronta all’utilizzo, stadio phono on board e naturalmente connessione Bluetooth. Nonostante qualche perdonabile difetto, questo giradischi ci è piaciuto e va giudicato nell’ottica della tipologia di consumatore al quale è proposto, tipicamente individui che cercano il giusto rapporto tra qualità, prezzo e funzionalità, e che lo useranno per portare la magia del vinile un tempo limitata alle mura domestiche, anche in giardino o sul terrazzo con uno speaker portatile.

Audio-Technica AT-LP60XBT

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

L’Audio-Technica AT-LP60XBT è un giradischi indubbiamente economico (online lo trovate a poco più di 200 euro) e molto (ma molto) conveniente per quello che offre. Non solo infatti connettività Bluetooth A2DP-aptX per ascoltare i vostri vinili in cuffia o su speaker wireless direttamente dal giradischi, ma anche uno stadio phono integrato e commutabile e un funzionamento affidato unicamente a un pulsante.

In effetti, è quasi come usare un lettore CD. Si sceglie la velocità di rotazione (33 o 45 giri), si posiziona il vinile sul piatto e si preme il pulsante di avvio. L’Audio-Technica si prende cura di tutto il resto, incluso il riportare il braccio nella sua posizione originale quando la puntina raggiunge la fine della facciata del disco.

Cambridge Audio Alva TT

Giradischi Bluetooth: quando il vinile corre sul filo del wireless

 

Questo non è un normale giradischi da 1700 euro. Cambridge Audio ha optato infatti per uno stadio phono integrato, un motore a trasmissione diretta e connettività Bluetooth aptX HD. Ciò significa che l’Alva TT può trasmettere in streaming i vostri vinili in alta risoluzione a 24 bit/48kHz a cuffie o speaker Bluetooth compatibili. La testina MC ad alta uscita è pre-installata e non c’è bisogno di alcun setup, mentre il braccio in unico pezzo è leggero e rigido.

La qualità del suono è piacevole, con un palcoscenico aperto e arioso e con le voci che hanno un risalto particolare. Se cercate un semplice sistema hi-fi domestico con un giradischi premium come sorgente, l’Alva TT potrebbe fare seriamente al caso vostro.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto

© 2020, MBEditore, riproduzione riservata.


 

 

 

 

 

Pin It on Pinterest