Notizie

Wireless o cablato? Come scegliere la cuffia

Wireless o cablato? Come scegliere la cuffia

Scegliere il modello più adatto a noi

La scelta di un paio di cuffie adatta alle proprie esigenze può dipendere da moltissimi fattori. Un quesito molto comune è: mi serve una cuffia wireless o con cavo? Ogni utente ha le sue esigenze, per cui bisogna in primo luogo capire a quale scopo servono le cuffie e confrontare pregi e difetti del cavo/wireless.

ASCOLT

Se facciamo parte degli utenti che hanno bisogno di cuffie per un ascolto senza eccessive pretese audiofile, allora non è necessario complicarsi la vita con cavi e impedimenti vari. In passato le cuffie wireless, specie economiche, avevano un suono più chiaramente distinguibile dai prodotti cablati a causa della mancanza, per l’appunto, del cavo che causava una perdita di informazioni. Oggi, anche i dispositivi più economici (a meno di non scegliere un prodotto troppo cheap) hanno una buona qualità audio, che in caso di modelli più costosi appare quasi indistinguibile alle orecchie dei più rispetto ai modelli cablati.  Per una miglior versatilità, quindi, è consigliabile un paio di cuffie senza fili.

D’altro canto, è però doveroso evidenziare alcuni aspetti: le cuffie wireless necessitano di batteria. I modelli più recenti hanno un’ottima autonomia, ma prima o poi chiunque si troverà almeno una volta in una situazione in cui non si può ascoltare musica perchè ci si è dimenticati di caricare la batteria. Succede spesso. Senza contare che, con gli anni, quest’ultima perderà di efficacia, rendendo l’autonomia più bassa e costringendo a portarsi dietro il caricatore o la custodia.


Un altro aspetto delle cuffie wireless da tenere in mente è il costo: a parità di specifiche, un prodotto senza cavo solitamente è più costoso per via della batteria e tecnologia Bluetooth da implementare (anche se negli ultimi tempi la differenza di prezzo tra wireless e cablato si sta assottigliando). Senza contare che, generalmente, le cuffie wireless richiedono una sostituzione della batteria dopo alcuni anni (o la sostituzione del prodotto). Un modello cablato è solitamente più duraturo, ma questo dipende molto dall’uso personale.

Tra le cuffie wirelss con il miglior rapporto qualità/prezzo troviamo le Sennheiser HD 4.50BTNC dal prezzo di 250 euro, che offrono un audio eccellente sia in ascolto che in chiamata.

Oppure le classiche Beats Solo 3 che coniugano uno dei design più belli e leggeri ad un’ottima autonomia (ma dal prezzo generalmente altino in rapporto al prodotto, circa 229 euro).

ASCOLTO AUDIOFILO

Se per un utente “normale” non è necessario l’analogico, per un utente audiofilo che vuole apprezzare ogni minima sfumatura della propria musica, un modello cablato è quello che fa al caso suo. I prodotti con cavo possono supportare standard qualitativi più alti come l’audio in alta risoluzione (Hi Res Audio), e in esse non è presente alcuna interferenza.

Ovviamente non si può fare un paragone generale, perchè la qualità di riproduzione di una cuffia wireless dipende dalla tecnologia Bluetooth utilizzata (preferibile da un 4.2 in su), i codec e  i driver montati.

Come cuffie ad alta fedeltà cablate, potrebbero fare al caso vostro le Beyerdynamic Amiron Home, dal prezzo di circa 490 euro. Tra l’altro, è disponibile anche una versione wireless delle stesse, ma che costa un centinaio di euro in più. 

Anche le Philips Fidelio X2HR/00 sono tra le migliori qualitativamente in relazione al prezzo accessibile di 139 euro.

COSA SCEGLIERE

In conclusione, possiamo orientarci tenendo presente quanto segue:

ANALOGICO (PRO)
  • Qualità audio più alta, compatibile con audio ad alta fedeltà
  • Costo generalmente più basso di un modello wireless, a parità di caratteristiche tecniche
  • Nessuna batteria da caricare
ANALOGICO (CONTRO)
  • Scomodità d’uso (soprattutto quando il cavo non è particolarmente lungo)
  • L’audio ad alta fedeltà non è sempre necessario, per alcuni utenti è preferibile la comodità all’High Res

 

WIRELESS (PRO)
  • Comodità massima
  • Usabilità al top anche in movimento, grazie all’assenza del cavo
WIRELESS (CONTRO)
  • Qualità audio non ai livelli dell’analogico, bisogna spendere un po’ per avere una qualità ottima
  • Costo leggermente più alto rispetto ai modelli con cavo
  • Batteria da dover ricaricare e che non sempre è duratura

© 2022, MBEditore – TPFF srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI


    MBEditore network

    Pin It on Pinterest