Featured home Prove

LA SEMPLICITA’, PORTATA ALL’ESTREMO, DIVENTA ELEGANZA (cit. JFRANKLIN) – ELIPSON PLANET M

ELIPSON PLANET M

I progettisti Elipson devono aver avuto una ispirazione dettata dalla citazione di Franklin quando hanno iniziato a disegnare l’ ELIPSON Planet M, progetto rivisto, migliorato e ridisegnato, che è approdato alla serie Planet nella Versione M (più piccola ed oggetto di questa recensione) ed L.

Il progetto della ‘Sfera’ nasce nei lontani anni 40-50, periodo in cui si esploravano la meccanica ed i confini della riproduzione Audio.

I costruttori che hanno poi perseguito questa strada sono diversi, oltre a Elipson possiamo annoverare: Cabasse, che arriva a spingere il progetto del solido perfetto fino alla Flag Ship ‘La Sfere’, B&W con la serie 800 in cui dalle 803 Nautilus in su adotta per la sezione medi una sfera affusolata sul retro, la cui somiglianza con la serie Legacy/Heritage della Elipson è evidente.

Il costruttore Francese si colloca con queste Planet M in una fascia di mercato davvero affollata, un entry level dal prezzo importante che offre però, oltre a delle finiture e laccature accurate, dei contenuti tecnologici di tutto rispetto, tra cui un driver dual concentric da 100mm.

La confezione si presenta molto curata, le due sfere, laccate rosse lucido con un livello maniacale da far invidia alle laccature di un pianoforte Steinway, sono messe in due sacchetti di panno chiusi da un laccio. All’interno guanti bianchi per non lasciare impronte sui diffusori e due supporti ad anello in alluminio per appoggiarle sul ripiano, oltre al manuale d’uso.

Sono disponibili diversi accessori opzionali, tra cui: cavi per sospenderle a soffitto fino ad un’altezza massimo di 5 metri,  supporti da incasso a controsoffitto,  supporti per fissaggio a parete, ed infine supporti a stelo che si avvitano sul fondo della cassa, scelta questa  che ci sentiamo di consigliare per dare la giusta enfasi alla riproduzione di cui sono capaci i due piccoli diffusori.

Le connessioni posteriori, Monowiring, sono davvero di livello top. La sensazione complessiva è ci si ritrovi davanti ad un diffusore di design che strizza l’occhio al mondo high end.

La Elipson Planet M  si presenta all’ascolto con un’ottima focalizzazione dell’immagine centrale, ben distinta anche nella profondità. Il palcoscenico viene correttamente riprodotto anche in larghezza, e come per diffusori di maggiori dimensioni consigliamo sempre di correggere le riflessioni della stanza di ascolto almeno con divani imbottiti, cuscini, tende e tappeti, per consentire a questi piccoli gioiellini di tecnologia di esprimersi al meglio.

Tuttavia sulla gamma bassa, a causa delle ridotte dimensioni fisiche e del driver, ci sono grandi mancanze nella ricostruzione dell’evento musicale.

Il costruttore stesso consiglia sempre l’abbinamento con un subwoofer (possibile anche con il loro subwoofer dedicato che gode delle stesse prestigiose finiture) e per il quale ci sentiamo di appoggiare al 100% il loro consiglio. Si rimanda al nostro articolo: ‘Gradisce un Subwoofer’ del collega Diego Scardocci: https://www.afdigitale.it/gradisce-un-subwoofer/

Il diffusore ci è piaciuto, molto. A fronte di un listino di poco superiore ai 500 euro, con uno streetprice interessante, ci troviamo di fronte ad un oggetto che non ha nulla da invidiare a costruttori che puntano la loro immagine praticamente solo sul design con prezzi davvero fuori dall’equilibrio rapportato alle prestazioni.

Rispetto ad altri costruttori che hanno fatto della miniaturizzazione degli altoparlanti il loro cavallo di battaglia, allontanandosi però da quello che è la magia della riproduzione musicale, le Elipson Planet M riescono nel loro intento di mediare apparenza e suono.

Un buon compromesso, in ultima analisi, in tutte le situazioni in cui il design e lo spazio hanno il sopravvento sul suono inteso come high end nelle sue forme più estreme. Indispensabile il subwoofer se si vuole ottenere una ricostruzione completa del messaggio musicale.

 

Sistema di riferimento in cui sono state ascoltate:

  • Bang&Olufsen Beomaster 4500
  • Bang&Olufsen CD 4500
  • Cavi litz in rame

 

Dati tecnici

  • Tipologia : Satelliti a 2 Vie
  • Altoparlanti: 1 woofer da 10 cm e 1 tweeter a cupola di seta da 2 cm coassiale
  • Risposta in frequenza 90Hz-22KHz (+-3dB)
  • Frequenza crossover 2.500HZ
  • Sensibilità 88 db
  • Tenuta in potenza 30-80 Watt
  • Dimensioni : diametro 150 mm
  • Peso : 1,65 kg cadauno
  • Listino: 275-300 euro cad. a seconda delle finiture
  • Link importatore
  • Link amazon

 

 

 

© 2021, MBEditore Srl. Riproduzione riservata.

Vuoi saperne di più? Di' la tua!

SCRIVICI

    acconsento al trattamento dei dati presenti nel form di contatto


     

     

     

     

     

    Pin It on Pinterest